F1 2014, Ferrari – Alonso: “Lavoro al simulatore è Ok”

In attesa di Raikkonen, la Ferrari lavora con il solo Fernando Alonso in vista della stagione 2014 di Formula 1

da , il

    F1 2014, Ferrari - Alonso: "Lavoro al simulatore è Ok"

    In attesa che arrivi Kimi Raikkonen, liberato dalla Lotus e completamente ripresosi dai postumi dell’operazione alla schiena, la Ferrari lavora con il solo Fernando Alonso in vista della stagione 2014 di Formula 1. Quello che a Maranello possono fare è darci dentro con il simulatore. Simulatore che, comunque vada, non piace proprio ad Iceman. Approfittando di alcune beghe promozionali ed alcuni impegni pubblici come la partecipazione assieme al presidente Luca Cordero di Montezemolo alla maratona televisiva Telethon o al pranzo degli auguri di Natale con tutti i dipendenti della Ferrari (Massa compreso), Alonso ha avuto modo di fare maggior conoscenza, pur se solo virtuale, con la monoposto del 2014.

    Alonso sul simulatore: “Contento del lavoro svolto”

    “Sono contento di com’è andata – ha dichiarato Fernando Alonso su www.ferrari.com – Siamo riusciti a completare tutto il programma che avevamo messo in cantiere. E’ stato bello tornare a guidare, anche se soltanto virtualmente. Abbiamo condiviso tante idee insieme ai tecnici: siamo soltanto all’inizio di un processo di apprendimento e crescita continua ed è bello poter dare il proprio contributo”. Lo spagnolo è intenzionato ad imprimere subito una direzione precisa allo sviluppo della macchina ben sapendo che Kimi Raikkonen – se manterrà lo stesso atteggiamento del periodo 2007-2009 – dedicherà molto meno tempo di lui a curare il rapporto con gli uomini della fabbrica. Questo aspetto potrebbe rivelarsi decisivo per avere la meglio nel delicato duello in famiglia.

    Nasce la Florida Winter Series

    Una nuova iniziativa invernale nasce sotto la spinta della Ferrari Driver Academy. Trattasi della Florida Winter Series: un campionato dedicato a chi vuole migliorare la propria preparazione in vista della stagione agonistica e che chiamerà in causa anche i piloti dell’Accademia del Cavallino Rampante Lance Stroll, Antonio Fuoco e Raffaele Marciello. Ospite d’eccezione Jules Bianchi. Si tratta di 4 eventi previsti nel periodo compreso tra il 19 e il 22 gennaio al caldo della Florida. La vocazione statunitense della competizione è confermata anche dalla presenza della giovane pilotessa svizzera della Indy Simona De Silvestro. Altri giovani talenti che la Ferrari potrà tenere sott’occhio sono il vincitore della F3 Open Series spagnola Ed Jones, i piloti del Campionato Europeo di Formula 3 FIA Dennis Van de Laar, Nicola Latifi e Louis Sa Silva, Alex Bozak, che ha gareggiato con Fuoco in Formula Renault 2.0 Alps, e Leonardo Pulcini, che proviene dal mondo dei kart. Il direttore della FDA Luca Baldisserri, spiega lo spirito dell’iniziativa: “Vogliamo che sia un’occasione per questi piloti di aumentare la loro esperienza in ogni settore. Ad esempio, chiederemo loro di affiancare i meccanici che lavorano sulle vetture nelle operazioni di montaggio e smontaggio, ampliando così le conoscenze pratiche di meccanica. Inoltre, fra una gara e l’altra ci sarà il tempo non soltanto per affinare la preparazione fisica in condizioni meteorologiche favorevoli ma anche per lavorare con gli ingegneri nell’analisi dei dati e, aspetto non secondario, nel condividere le loro esperienze, provenendo da realtà diverse fra loro”.