F1 2014, Ferrari: Alonso svela i problemi della F14 T, Domenicali già vede il ritorno

Formula 1: Alonso parla dei problemi della Ferrari F14 T e delle prospettive di crescita mentre Domenicali viene già dato vicino ad un ritorno nel Circus con il team Haas

da , il

    F1 2014, Ferrari: Alonso svela i problemi della F14 T, Domenicali già vede il ritorno

    In attesa che la Formula 1 sbarchi in Europa con il Gran Premio di Spagna 2014, Fernando Alonso parla dei problemi della Ferrari in un’intervista ad Autosport. L’asso delle Asturie ammette che la F14 T sta trovando la giusta strada per migliorare in competitività ma che la matassa è ancora piuttosto intrigata visto che sono molti i settori nei quali la Mercedes è superiore. Sul lato manageriale, intanto, Stefano Domenicali pare stia già preparando il suo rientro nel Circus all’interno dell’esordiente team americano Haas che, non a caso, sarà motorizzato Ferrari. La strada per gli statunitensi, però, è in salita visto che, in queste ore, è arrivata la notizia che il debutto è già posticipato al 2016.

    Alonso: “Abbiamo molti problemi sulla F14 T”

    “Ci mancano un’aerodinamica migliore ma anche più trazione e più potenza - ha dichiarato Fernando Alonso commentando i problemi della Ferrari F14 T - Nelle prime gare ci sono state grosse mancanze mentre in Cina non ci sono stati miglioramenti eclatanti in un singolo settore ma dei piccoli passi fatti dappertutto: a partire dal motore ai software fino all’aerodinamica”. Secondo il mastino di Oviedo, la Rossa ha davanti a sé grossi margini di miglioramento:“Sappiamo che possiamo crescere molto ma dobbiamo ricordarci che gli altri non staranno fermi. Dobbiamo affrontare una grande sfida che ci obbliga a sviluppare la macchina ad un ritmo superiore al normale per mettere dentro qualcosa in più degli avversari”.

    Hakkinen: “Raikkonen ha dei problemi”

    L’altra metà del box Ferrari, leggasi Kimi Raikkonen, non riesce a lamentarsi della macchina più di tanto. Non lo farà fintanto che non avrà risolto i problemi personali di adattamento. A dirlo sono i fatti. a Ribadirlo è Mika Hakkinen che si prende il lusso di dare dei consigli al connazionale:“Fernando sta letteralmente dominando per cui Kimi deve fare qualcosa di più per risolvere i suoi problemi. Mi fa strano pensare che per lui la macchina sia così messa male da non consentirgli di battagliare con il compagno di squadra. Forse dovrebbe lavorare di più al simulatore per cercare di venire a capo della situazione”.

    Domenicali verso il ritorno in F1

    Qualcuno crede che il futuro di Stefano Domenicali sia lontano dalla Formula 1. Nonostante la storia dell’ex team principal della Ferrari dica che si tratta di un ragazzo cresciuto – senza raccomandazioni – all’interno della scuderia del Cavallino Rampante, in molti lo vedono a dirigere ambiti molto diversi da quello dei motori. Eppure, l’ultima indiscrezione racconta di un Domenicali pronto a guidare l’avventura del team americano Haas in Formula 1. La scuderia a stelle e strisce non debutterà prima del 2016, avrà probabilmente motore made in Maranello e sicuramente telaio Dallara. L’esperienza come quella di un ex team principal di una scuderia di punta sarebbe fondamentale per non commettere una serie infinita di errori di gioventù a partire da quello, molto stupido, di ostinarsi nel non avere una base europea. La F1 non si può gestire dagli USA. Staremo a vedere. Intanto l’attuale responsabile del progetto Gunther Steiner ha dichiarato:“Penso che nei prossimi giorni parleremo con Domenicali. Ad oggi non ho idea di cosa voglia fare del suo futuro…”.

    Twitter: @pierimanuel