F1 2014, Ferrari: “Ora si punta alle prestazioni”, Lotus: “Strano nessuno abbia copiato il tricheco”

F1 2014: James Allison, direttore tecnico della Ferrari, commenta il programma di lavoro nei test del Bahrain

da , il

    F1 2014, Ferrari: "Ora si punta alle prestazioni"

    La Ferrari non si è ancora messa particolarmente in mostra nelle prime due settimane di test per la stagione 2014 di Formula 1. Il momento decisivo sarà tra pochi giorni quando inizierà l’ultima quattro-giorni di prove invernali sul circuito di Sakhir in Bahrain. Il direttore tecnico James Allison, intervenuto su ferrari.com, ha spiegato come sia strutturato il programma di lavoro:“Siamo arrivati a Sakhir con una lunga lista di prove da fare: abbiamo voluto massimizzare il tempo in pista operando con ordine per essere pronti per Melbourne. Devo dire che a parte per la mattina del terzo giorno ci siamo riusciti. Abbiamo lavorato per capire come gestire al meglio la nuova frizione del 2014 e per mettere a punto il nuovo sistema di frenata brake by wire. Abbiamo analizzato nei dettagli le temperature dei fluidi, una parte fondamentale dei nuovi regolamenti, che vanno monitorate più che mai in una stagione come questa e abbiamo cercato di portare al massimo le prestazioni del nuovo ERS per il recupero e lo scarico di energia”.

    Ferrari: “Nell’ultimo test, la F14 T sarà spinta all’estremo”

    “Come speravamo abbiamo anche avuto il tempo di iniziare a pensare all’assetto, portando avanti diverse prove per cercare di trovare il miglior compromesso tra bilanciamento della vettura e comportamento degli pneumatici. Questo lavoro sarà una parte importante anche del programma degli ultimi quattro giorni qui in Bahrain. Negli ultimi quattro giorni la nostra tabella di marcia prevede di portare la macchina sempre più verso le condizioni estreme che si vivono in gara, offrendo ai piloti la possibilità di cominciare a focalizzarsi sui ritmi che verranno tenuti per tutta la stagione e sottoponendo la vettura allo sforzo massimo, cercando di verificarne il comportamento”, ha spiegato James Allison. I test dureranno da giovedì giovedì 27 febbraio a domenica 2 marzo. Dopodiché, per la Ferrari e per tutti gli altri team, venerdì 14 marzo sarà già tempo di prima sessione di prove libere in quel di Melbourne.

    Alonso si allena con Maradona

    Genio e sregolatezza l’uno, talento e disciplina l’altro. Diego Armando Maradona e Fernando Alonso hanno poco in comune se non l’essere due fenomeni dello sport. I due si sono incontrati per un evento promozionale in quel di Dubai a margine di una giornata di intenso allenamento per il pilota spagnolo. Oltre a sessioni atletiche di vario tipo, il pilota della Ferrari si è cimentato in una partitella amichevole contro il Pibe de Oro che, per la cronaca, lo ha visto uscire sconfitto per 5-4.

    Lotus: “Strano nessuno abbia copiato il muso a tricheco”

    James Allison, ex direttore tecnico della Lotus fino a metà 2013, conosceva sicuramente le forme della nuova macchina uscita da Enstone. Conosceva sicuramente anche il muso a tricheco. Eppure per la sua Ferrari F14 T ha scelto una soluzione più convenzionale che qualcuno ha ribattezzato ad “aspirapolvere“. La cosa stupisce il suo successore Nick Chester che, commentando il tricheco, ha affermato ad Autosport:“Dai nostri dati la vettura pare performante e crediamo di avere un vantaggio significativo con ciò che abbiamo progettato. Sono stupito che nessuno abbia fatto come noi visto anche che qualcuno ne era a conoscenza. C’è da dire, però, che si tratta di una soluzione piuttosto complessa da sviluppare anche per via del crash test da superare”. Il fatto che una delle due “zanne” del tricheco sia più lunga dell’altra di 5 cm è spiegato in quanto, secondo il regolamento, solo un’estremità del muso può superare la zona che precede la struttura deformabile dello stesso.