F1 2014, Ferrari: Raikkonen fa visita a Maranello! Alonso: “Mancherà il lavoro di Massa?”

un amico di Babbo Natale

da , il

    raikkonen ferrari visita maranello verso 2014 f1

    Foto | Ferrari.com

    Dal Polo Nord, o giù di lì, è arrivato nella fabbrica Ferrari un amico di Babbo Natale… così viene definito Kimi Raikkonen sul sito della scuderia italiana giocando sul fatto che la nazionalità di Santa Claus pare sia proprio finlandese. Iceman ha fatto la sua prima visita ufficiale a Maranello nel bel mezzo delle celebrazioni natalizie che interessano alcuni personaggi VIP della Gestione Sportiva nonché i piloti della Ferrari Driver Academy. Salutato Fernando Alonso che ha lavorato al simulatore, i tecnici e gli ingegneri hanno abbracciato Kimi Raikkonen con un certo entusiasmo (come documenta la foto rubata da ferrari.com).

    Raikkonen a colloquio con Domenicali

    Speriamo nei prossimi giorni di potervi anticipare cosa si siano detti. Intanto, sappiamo per certo che Kimi Raikkonen si è dilungato a colloquio con Stefano Domenicali ed altri tecnici di primo spessore per poi dare un’occhiata in anteprima alla monoposto del 2014 ed al motore turbo che, secondo indiscrezioni, dovrebbe essere presentato a brevissimo. La vera notizia è che da oggi sappiamo il nome del suo ingegnere di pista. Non sarà Rob Smedley che ha seguito Felipe Massa in Williams. Non sarà Andrea Stella, suo partner ai tempi della prima avventura in Ferrari e confermato ora in coppia con Nando. Trattasi di Antonio Spagnolo! Battuta facile: evidentemente al biondo di Espoo non bastava averne già uno (con la “s” minuscola) come coinquilino di box. Si dice che questo tecnico italiano sia molto in gamba. Si dà per certo che Kimi non gli darà dello scemo/genio via radio per il semplice fatto che non spiccica una parola nella nostra lingua. Ma lasciamolo fare: he knows what he’s doing…

    Alonso rimpiange Massa e teme la pigrizia di Raikkonen

    Felipe Massa già si fa rimpiangere. Almeno da Fernando Alonso. Queste le parole dello spagnolo ai brasiliani di Totalrace:“E’ un gran lavoratore che si impegna giorno e notte per aiutare la squadra a migliorare le prestazioni della macchina. Kimi, invece, non lo conosco ma ho sentito dire che parla poco e rimane isolato. E’ possibile, quindi, che si senta la mancanza di Felipe”. In ogni caso, Alonso spera (semplicemente) di avere una macchina che rappresenti un’ottima base dalla quale partire. Poi ci metterà probabilmente del suo. E amen:“L’importante è che la macchina sia allo stesso livello della Red Bull e tutto andrà alla grande con un clima stupendo nel box. Diversamente, ci saranno delle tensioni”, ha concluso.