F1 2014, gomme: Michelin pronta a scalzare Pirelli! L’intento:”Con noi pochi pochi pit stop”

Due indizi fanno una prova: la Michelin rischia seriamente di prendere il posto della Pirelli già dalla stagione 2014 di Formula 1! La Pirelli non ha ancora firmato i contratto e la FIA è critica nei confronti degli italiani

da , il

    michelin ritorno in f1 2014

    Due indizi fanno una prova: la Michelin rischia seriamente di prendere il posto della Pirelli già dalla stagione 2014 di Formula 1! La notizia non è campata in aria: da una parte è la stessa azienda italiana che, per bocca di Paul Hembery, fa notare con estremo disappunto quanto sia assurdo che ad oggi la FIA non abbia ancora rinnovato il loro contratto per l’anno venturo; dall’altra, è risaputo nell’ambiente che Jean Todt sta corteggiando i suoi connazionali da anni. Per quale motivo il rispettabile presidente della Federazione Internazionale dell’Automobile debba mettere a repentaglio la propria reputazione e giocare così sporco pur di fare un favore alla Michelin, però, non è del tutto chiaro…

    Perché Todt guarda alla Michelin?

    Sicuramente l’abilità della Pirelli nel creare spettacolo e rendere gli pneumatici protagonisti della F1 attuale è stato un ottimo esempio di come si possa fare auto-promozione a livello globale sfruttando la massima competizione motoristica. Certo, gli incidenti di percorso non sono mancati – leggasi esplosioni inopportune e problemi di degrado eccessivo qua e là – ma, in generale, seguendo le direttive dei team e di Bernie Ecclestone, la casa milanese ha regalato emozioni e spettacolo. Probabilmente alla FIA non è piaciuto lo sgarro del test effettuato con la Mercedes e, parimenti, l’imbarazzo suscitato dai problemi di sicurezza delle delaminazioni. Per questo Jean Todt ha lavorato nell’ombra – mica tanto – per convincere gli amici della Michelin a tornare in Formula 1. Per questo, inoltre, sta rimandando continuamente il rinnovo del contratto con la Pirelli. A tal proposito, Hembery, ha manifestato grosso nervosismo:“E’ una farsa - ha tuonato – il contratto doveva essere già firmato a settembre dello scorso anno per consentirci di lavorare e programmare per tempo. Ci andava bene fare l’accordo anche nei primi mesi di quest’anno ma, invece, ci troviamo a questo punto senza avere ancora certezze”.

    Michelin in F1 dal 2014?

    La situazione è critica anche per i team che hanno iniziato a lavorare sulle monoposto del 2014 senza ancora sapere quali gomme ci monteranno su. Pascal Couasnon, direttore della parte sportiva di Michelin, non ha nascosto l’interesse per la Formula 1:“Siamo disposti a parlarne ma va fatto in fretta, perché da ottobre in poi non avremo più il tempo fisico per produrre gli pneumatici”. La casa francese ha già fatto sapere che non seguirà affatto l’esempio della Pirelli sulla breve durata degli pneumatici:“La F1 come è oggi non piace affatto. Dover cambiare gli pneumatici dopo pochi giri non dà una bella immagine ad un prodotto così importante per tutta l’industria automobilistica“, si legge su F1passion. La Michelin, inoltre, vorrebbe portare in pista ruote da 18 pollici di diametro anziché gli attuali 13:“Vogliamo proporre uno pneumatico raffinato. Sarebbe una grande sfida per la Formula e una nostra condizione contrattuale”, ha concluso Couasnon.