F1 2014: Hamilton pilota dell’anno per i team principal, surclassa Rosberg ma non Alonso!

Formula 1: Hamilton vince anche il premio come pilota più votato dai team principal

da , il

    hamilton pilota del 2014 davanti ad alonso

    A stravincere questa particolare competizione è lui: il campione del mondo 2014 di Formula 1, Lewis Hamilton! Come ogni anno, la testata Autosport organizza una votazione tra i team principal per stabilire, al di là dei punti raccolti in pista, chi sia il miglior pilota dell’anno. L’alfiere della Mercedes ha letteralmente surclassato il compagno di squadra Nico Rosberg. L’unico rivale ad avere un risultato decente, soprattutto se si paragona ai punti fatti segnare in classifica, è Fernando Alonso. Lo spagnolo si conferma uno dei più stimati e fa persino meglio del sorprendente Daniel Ricciardo.

    Questi i nomi degli aventi diritto al voto: Christian Horner, Red Bull; Toto Wolff, Mercedes; Federico Gastaldi, Lotus; Marco Mattiacci, Ferrari; Eric Boullier, McLaren; Vijay Mallya, Force India; Monisha Kaltenborn, Sauber; Franz Tost, Toro Rosso; Claire Williams, Williams; Graeme Lowdon, Marussia. Manca all’appello solo il rappresentate della Caterham poiché ci sono state troppe figure che si sono succedute nel corso dell’anno. A questi autorevolissimi addetti ai lavori è stato chiesto di assegnare un punteggio in stile Gran Premio (25-18-15-12-10-8-6-4-2-1) ai 10 piloti prescelti. Ne è venuta fuori una graduatoria che, come anticipato, vede penalizzato Nico Rosberg più di quanto non dica la classifica del mondiale 2014 di F1 mentre, come al solito, c’è un Alonso premiato ben oltre quanto fatto in pista.

    Questa la classifica completa:

    1. LEWIS HAMILTON (194 punti)

    2. Fernando Alonso (155 punti)

    3. Daniel Ricciardo (135 punti)

    4. Valtteri Bottas (119 punti)

    5. Nico Rosberg (115 punti)

    6. Felipe Massa (55 punti)

    7. Sebastian Vettel (53 punti)

    8. Jules Bianchi (44 punti)

    9. Jenson Button(40 punti)

    10. Daniil Kvyat (28 punti)

    Hamilton-Rosberg: incidente di Spa è la chiave

    Mentre Lewis Hamilton si porta a casa anche il trofeo BBC Sport of the Year per la terza volta in carriera dopo la doppietta del 2007/’08 battendo il golfista Rory McIlroy, emergono interessanti dettagli in merito al post Gran Premio del Belgio. Il giorno dell’incidente tra Hamilton e Rosberg che ha mandato su tutte le furie i vertici del team Mercedes, ha segnato una svolta netta del campionato a favore del pilota inglese. Nella testa di Rosberg è sembrato succedere qualcosa. A motori fermi, Autosport rivela alcuni interessanti retroscena. Innanzitutto la squadra ha immediatamente vietato ai piloti di parlare tra loro e con i membri del team fino all’incontro chiarificatore in fabbrica. Il lunedì seguente si sono tutti incontrati a Brackley per una tesissima riunione fiume nella quale Nico e Lewis si sono scaldati molto scambiandosi accuse reciproche su comportamenti tenuti nelle gare precedenti. A Toto Wolff c’è voluto tutto il suo carisma e qualche minaccia che al prossimo errore il colpevole avrebbe pagato con degli handicap nella lotta al titolo per riportare la situazione alla normalità e ribadire ai due che sono gli interessi della squadra che arrivano prima di tutto. “Abbiamo chiarito le cose. E’ stata dura. Ma abbiamo detti ai piloti che non ci importava dire che la colpa era al 100% di uno o dell’altro ma bastava che fosse al 51%. Ci sono degli interessi in ballo troppo grandi per buttare via tutto. Li abbiamo minacciati che, se avessero creato problemi, avremmo cambiato line-up di piloti e questo, alla fine, ci ha rafforzato come squadra”, ha ammesso Wolff.

    F1 2015: Hamilton pronto a fare il bis

    A dirlo è il direttore tecnico della Mercedes:“Noi stiamo facendo ottimi progressi per il 2015 e vediamo, invece, che i nostri avversari sono alle prese tutti con dei forti cambiamenti interni per cui penso che tutto ciò vada a nostro vantaggio. Stiamo raccogliendo i frutti di un lavoro iniziato quattro anni fa. Forse non abbiamo il miglior telaio. Forse non abbiamo il miglior motore. Ma abbiamo la miglior combinazione delle due cose”, ha detto Geoff Willis ad Autosport in occasione del premio alla Mercedes come squadra dell’anno.