F1 2014, test: a Jerez debuttano anche le nuove gomme Pirelli

Inizia oggi – con la prima giornata di test invernali sul circuito di Jerez - la stagione 2014 di Formula 1! Di tante novità tecniche ce n’è una che rischia di passare in sordina: le gomme Pirelli

da , il

    F1 2014, test: a Jerez debuttano le nuove gomme Pirelli

    Inizia oggi – con la prima giornata di test invernali sul circuito di Jerez - la stagione 2014 di Formula 1! Di tante novità tecniche che interesseranno le monoposto, quali nuove limitazioni aerodinamiche e debutto dei motori V6 turbo con consumo di carburante limitato a 100kg per gara, ce n’è una che rischia di passare in sordina: le gomme Pirelli. Non dimentichiamoci che sono state loro le protagoniste assolute delle ultime annate. Anche se il caos tecnico è aumentato a dismisura, gli pneumatici continueranno a dire la loro spostando l’ago della bilancia in modo decisivo. Una vera novità di questi primi 4 giorni di prove invernali previsti in Spagna (leggi qui il calendario completo dei test della F1 2014) è che l’ultimo sarà con asfalto bagnato artificialmente per testare il nuovo disegno del battistrada delle gomme full wet. A meno che, ovviamente, non piova naturalmente da qui a giovedì.

    La Pirelli si presenta all’inizio della stagione 2014 di Formula 1 con una gamma di pneumatici ancora una volta rinnovata anche per far fronte alle nuove caratteristiche delle vetture spinte dai motori V6 turbo. Dopo le polemiche sulla sicurezza del 2013 che hanno obbligato a cambiare in corsa la struttura dei loro prodotti rimescolando persino i livelli di forza delle varie monoposto, stavolta l’azienda milanese non può permettersi altre brutte figure. Le dichiarazioni della vigilia parlano di una Pirelli che si è mossa su un piano piuttosto conservativo. Addirittura la FIA ha aumentato di un kg il peso minimo delle vetture per assecondare l’aumento di peso dei nuovi pneumatici.

    g

    Pirelil inventa la gomme Hard invernali

    “Il test di Jerez sarà molto interessante in quanto vedremo per la prima volta in pista le vetture 2014 con i nuovi motori, e vedremo come queste interagiranno con le nostre gomme. In particolare per noi è l’occasione per verificare sul campo, dopo le simulazioni eseguite al computer, come le nuove vetture interagiscono con le nostre gomme e le eventuali differenze tra le varie monoposto – ha dichiarato Paul Hembery sul sito ufficiale della Pirelli - Gli pneumatici 2014 sono differenti dai precedenti proprio come le monoposto di quest’anno differiscono da quelle dello scorso anno. Gran parte del nostro lavoro di preparazione è stato portato avanti integrando i dati di simulazione con i test in pista. Lo scorso anno, i team mancarono alcuni test pre-season in Spagna a causa dell’eccessivo freddo: ad un certo punto vedemmo persino del ghiaccio in pista. Per prevenire questo fenomeno, abbiamo sviluppato una speciale versione “winter” della mescola hard”. In osservanza del nuovo regolamento che prevede “bagnato” uno dei giorni di test pre-stagionali, l’ultimo dei 4 qui a Jerez sarà dedicato ai Cinturato intermediate e wet:“Come da programma, sarà l’ultimo giorno di test, in questo modo i team avranno un quadro il più completo possibile per poter finalizzare la messa a punto delle loro monoposto 2014″, ha concluso Hembery.

    Test F1 2014, Pirelli: non tutti sanno che…

    Il numero di set a disposizione dei team per i test è di di 135 di cui 85 (25 per Jerez e 30 per le due settimane in Bahrain) per quelli invernali. Tutte le quattro mescole slick e le due da bagnato saranno a disposizione delle squadre. Per le prove di Jerez, Pirelli ha scelto 18 set dando ai team la possibilità di decidere autonomamente che tipo di gomme avere per altri 7. Le nuove gomme del 2014 hanno mescole mediamente più dure e pesano circa 250 grammi in più al posteriore e 200 grammi in più all’anteriore per un peso totale aggiuntivo, rispetto al 2013, di circa 1 Kg. Gli pneumatici anteriori hanno un nuovo profilo per far fronte alle modifiche aerodinamiche che hanno interessato muso e alettone. Restano invariati, invece, quelli posteriori. Il nuovo disegno delle gomme full wet consente di disperdere ora 65 litri al secondo d’acqua contro i 60 della vecchia versione.