F1 2014, Test Bahrain 1a giornata: sorpesa Hulkenberg, Vettel e Red Bull ancora nei guai [FOTO]

Formula 1 in pista per la seconda sessione di test invernali in Bahrain

da , il

    F1 2014 Test Bahrain Alonso

    Va in rassegna con il miglior tempo di Nico Hulkenberg su Force India, la prima giornata di test in Bahrain. Non sono mancate le sorprese, perché chi si aspettava risposte dalla Red Bull e dai team motorizzati Renault, ha avuto alcune indicazioni: Caterham a parte, in grado di girare con una certa continuità al mattino, è ancora notte fonda dentro al box dei campioni del mondo in carica. Vettel ha dovuto attendere 5 ore prima di portare in pista la RB10 e marcare un crono: 12 giri dopo, gran fumata dal motore, con sospetti problemi extra al brake-by-wire e prove concluse. Chi marcia come un orologio è la Mercedes di Hamilton, autore di 74 giri e in grado di permettersi il lusso di finire anzitempo le prove; bene anche gli altri team con il V6 tedesco. Note positive anche in Ferrari, che aveva preoccupato un po’ nel corso dell’installation lap mattutino, causa un trafilaggio d’olio risoltosi senza conseguenze.

    Da tenere d’occhio la McLaren, rapidamente a proprio agio nel fare il tempo e coprire un buon numero di tornate. Domani si torna in pista dalle 7 alle 15.

    a cura di: @fabianopolimeni

    CLASSIFICA TEMPI TEST F1 2014 BAHRAIN – 1a giornata

    1. N.Hulkenberg -Force India- 1.36.880

    2. F.Alonso -Ferrari- 1.37.879

    3. L.Hamilton -Mercedes- 1.37.908

    4. K.Magnussen -McLaren- 1.38.295

    5. S.Vettel -Red Bull- 1.40.224

    6. A.Sutil -Sauber- 1.40.443

    7. R.Frijns -Caterham- 1.42.534

    8. D.Kvyat -Toro Rosso- 1.44.346

    9. R.Grosjean -Lotus- 1.44.832

    Contagiri

    Nico Hulkenberg, Force India -78

    Fernando Alonso, Ferrari -64

    Lewis Hamilton, Mercedes -74

    Kevin Magnussen, McLaren -81

    Sebastian Vettel, Red Bull -14

    Adrian Sutil, Sauber -81

    Robin Frijns, Caterham -67

    Daniil Kvyat, Toro Rosso -5

    Romain Grosjean, Lotus -8

    Jules Bianchi, Marussia -3

    Felipe Massa, Williams -5

    15:19 – In casa Lotus, solo 7 giri per Grosjean. La E22 ha pagato problemi software e poi alle batterie. Questo il motivo della giornata magra. Chi sta portando in cascina tanto fieno è la Force India: Hulkenberg è impegnato nell’ultimo long run di giornata e gira sul piede dell’1’40″

    15:14 - In Caterham buttiamo lì un’osservazione: Frijns ha girato tanto (e bene). Il posto di Ericsson è così sicuro?

    Intanto, apprendiamo da Sky Sport Uk che in Red Bull proveranno due diverse soluzioni per ovviare al surriscaldamento sofferto a Jerez e ancora lungi dall’essere risolto: se quella odierna era la prima, c’è da confidare ciecamente sulla seconda.

    Massa e Bianchi riescono a scendere in pista dopo un’intera giornata passata ai box. Confermati i problemi al sistema di pescaggio del carburante sulla FW36

    14:45 - Dopo il miglioramento assoluto, Alonso sta girando con tempi sul 1’44″ e alcune puntate a 1’48″. In pista anche Hulkenberg, Magnussen e Sutil, stabili tra 1’41″ e 1’42″

    14:28 - Bandiera verde. Alonso migliora in maniera decisa il suo tempo e va a 1 secondo da Hulkenberg

    14:09 – Bandiera rossa, è Vettel a essersi fermato. Tredici giri completati per il tedesco…

    Quanto alla Lotus, la stampa tedesca riporta di noie al comparto elettrico della power unit. Dalla foto in basso si nota come la posteriore sinistra abbia un evidente segno di bloccaggio, tanto da “fondere” il battistrada: che si sia trattato di un problema al brake-by-wire? Di certo c’è una cortina di fumo per nulla benaugurante

    vettel red bull test bahrain sakhir

    14:07 - Hulkenberg ritocca il miglior tempo, 1’36″880 con Vettel e Alonso a loro volta a ribassare i propri riferimenti

    13:58 – Tornata ai box la Toro Rosso. Bandiera verde, 90 minuti ancora di prove: Hulkenberg, Sutil, Alonso, Vettel e Magnussen subito in pista

    13:43 - Dopo i 40 giri effettuati al mattino, tutto tace dal box Ferrari. In McLaren, invece, fanno sapere di concentrarsi sul long run, infatti, Magnussen stava girando su tempi tra 1’42″ e 1’43″ prima che intervenisse la bandiera rossa

    13:35 – Terza bandiera rossa . Kvyat nel frattempo fa l’ottavo tempo con 1.44.346, in pista c’era solo lui con Sutil. Il russo però subito dopo si ferma in pista

    13:31 - Difficile ancora trarre conclusioni sui valori in campo visti finora. Invece, un quadro sommario della situazione vede confermarsi la Mercedes al top: affidabile, veloce e con un bel ritmo costante negli stint lunghi effettuati oggi. Prestazione che hanno anche la Force India e la McLaren. Ferrari e Sauber promosse per l’affidabilità, entrambe hanno girato senza problemi nonostante il gran caldo, è prematuro al momento dire quale sia la velocità.

    Red Bull e Lotus sono parecchio indietro, perché i giri completati da Vettel e Grosjean a 2 ore dalla chiusura sono 14 in totale, una cifra imbarazzante. Rimandata la Williams, altro team atteso a una conferma dopo le buone cose viste a Jerez e afflitto da problemi alla pompa di pescaggio della benzina.

    13:20 - Mancano 2 ore e 10 minuti alla conclusione della prima giornata di test invernali a Sakhir. Hulkenberg, scendendo sotto il muro dell’1’37″ è riuscito a essere più veloce del giro in gara lo scorso anno. Buoni presupposti, non sono poi così drammaticamente lente le F1 2014.

    13:13 - Apprendiamo che la Williams è ferma ai box per un problema alla pompa del carburante, proprio mentre un’altra monoposto con V6 Mercedes, la Force India di Hulkenberg, stampa il miglior crono di giornata: 1’37″155

    Contagiri alle 13:00

    Hamilton, Mercedes – 70

    Magnussen, McLaren – 36

    Hulkenberg, Force India – 38

    Sutil, Sauber – 57

    Alonso, Ferrari – 40

    Vettel, Red Bull – 7

    Frijns, Caterham – 47

    Grosjean, Lotus – 7

    Massa, Williams – 3

    Bianchi, Marussia – 2

    Kvyat, Toro Rosso – 1

    12:57 - Riprendiamo il live. Nel periodo in cui non siamo stati collegati, sono da registrare le seguenti notizie

    Vettel fa il primo giro alle 12:02 e segna il tempo di 1’45″095, migliorato poi alle 12:40 con 1’42″309. Hamilton ha effettuato uno stint da ben venti giri, nel corso dei quali ha ritoccato il miglior tempo e portato a 1’37″908: per l’inglese il passo è stato stabilmente sul 1’40″.

    Alle 12:45 i motorizzati Mercedes hanno girato la boa dei 1000 giri percorsi tra Jerez e Sakhir, per l’esattezza 1005 tornate contro le 543 delle scuderie con V6 Ferrari e 209 giri fatti dai V6 Renault.

    Alle 12:52 primo giro per Daniil Kvyat.

    _________________

    10:56 - Ripartono i test, semaforo verde.

    10:41 – Bandiera rossa, è Sutil. Intanto si apprende che in Toro Rosso la causa del ritardo è una perdita d’olio, mentre Alberto Sabbatini di Autosprint rivela una riunione in corso tra Horner, Marko e il capo di Renault Sport.

    riunione red bull renault bahrain

    10:38 - Alonso gira sul piede dell’1’43″ e ci sono ancora problemi con il transponder sulla F14T.

    10:36 – Sempre per dare una misura dei tempi che vedremo oggi, possiamo prendere a dato rappresentativo il miglior tempo delle prove libere 1 del Gran Premio del Bahrain 2013. Massa, allora, girò in 1’34″487: pista sporca e un solo set di gomme, senza cercare il tempo, ovvero, qualcosa simile all’attività odierna.

    10:32 - I tempi di Hamilton salgono a 42″8 e 44″8 al terzo e quarto giro. Torna in pista Alonso

    10:27 - Dalla Spagna giungono notizie di problemi meccanici sulla Toro Rosso. E’ il canale sportivo dello sponsor andaluso del team faentino a darne notizia.

    Torna in pista Hamilton e mette in fila due giri sul piede del 1’42″, ne ha completati finora 25 contro i 30 di Sutil

    A sorpresa, ancora non ha marcato un tempo utile la Williams di Massa, solo qualche out-in; altro desaparecido è Bianchi su Marussia

    10:15 - Quattro giri sul 1’40″ medio per la Force India di Hulkenberg nell’ultimo stint. La temperatura sull’asfalto ha raggiunto i 40° C

    lotus e22 diffusore e ala posteriore

    10:13 - Arrivano le immagini utili per spiegare al meglio le novità della Lotus E22 al posteriore (e non solo), già accennate prima. Oltre al singolo supporto dell’ala, asimmetrico, e al profilo sopra il diffusore, si nota anche uno sfogo d’aria supplementare sul cofano motore, in stile Ferrari, ma orientato verso l’alto.

    Interessante poi la forma delle alette sui cestelli dei freni, davanti alle sospensioni anteriori, a prima vista molto estesi e funzionali al direzionamento dei flussi.

    lotus e22 cestelli freni

    Contagiri alle 10:00

    Sutil (Sauber) 30

    Hamilton (Mercedes) 23

    Frijns (Caterham) 18

    Magnussen (McLaren) 14

    Hulkenberg (Force India) 14

    Alonso (Ferrari) 13

    Grosjean (Lotus) 7

    Massa (Williams) 3

    Bianchi (Marussia) 2

    10:04 – Dalla Red Bull, dopo 2 ore e mezza dall’inizio dei test, comunicano che i meccanici stanno ancora sistemando alcune parti. Hanno acceso il motore e sperano di entrare in pista a breve.

    10:03 – Questa è la novità Sauber di cui parlavamo in precedenza

    sauber aerodinamica c33

    9:59 - Parlando di Renault, più che un caso sui V6 francesi è giusto parlare di un caso Red Bull-Toro Rosso. Grosjean su Lotus finora è riuscito a coprire qualche giro e la Caterham con Frijns addirittura 25, il che ne fa la macchina più presente sul tracciato in questa mattinata di test, entrambe motorizzate dalla Regie

    9:53 - Prime indicazioni su McLaren: Magnussen ha fatto 14 giri di seguito sul piede del 1’39″

    9:51 – Nota di colore in questi test, merito dei colleghi olandesi di F1today: arriva la prima immagine della Williams Martini, evidentemente impegnata in uno shooting privato, visto che in Bahrain la livrea è la solita blu vista a Jerez. Oppure, abile fotomontaggio?

    Williams Martini F1 2014 FW36

    Il miglior tempo in gara nel 2013 è stato 1’36″9, marcato da Vettel. Non sono poi così lente le nuove monoposto, considerando anche le gomme Pirelli più dure

    9:40 – McLaren subito a proprio agio, visto che Magnussen strappa il miglior crono a Hamiton e fa 1’39″347. Il pilota della Mercedes intanto è al suo 21mo giro, contro i 23 di Sutil. Vettel e Kvyat, ancora 0.

    Continua a girare Hamilton e lima un altro decimo: 1’39″464. Magnussen al primo giro cronometrato va subito secondo.

    9:30 – 1:39.573, Hamilton è il primo a scendere sotto il muro dell’1’40″. Novità aerodinamiche in casa Sauber: sulla C33 sono apparse due profili orizzontali nella parte superiore delle pance, i condizionatori di flusso collegati all’abitacolo; la particolarità è che non sono collegate alle paratie verticali più esterne.

    9:20 - Sette giri e poi rientro in pitlane per Frijns, e lo chiamavano long-run…

    9:15 - In Caterham si apprestano a iniziare il primo long-run con Frijns, certo non è il team di riferimento che attendevamo. Intanto, Sutil ha completato 14 giri, contro lo zero di Vettel. Dalla Red Bull fanno sapere che presto scenderanno in pista dopo un intenso lavoro ai box, questo il tweet: Good morning from a sunny Bahrain. Working hard in the garage at the moment but we’ll be out on track soon

    9:03 - Con 13 giri all’attivo, Alonso è al momento il pilota che ha girato maggiormente a Sakhir, seguito da Hamilton con 11 tornate.

    8:50 - Sei giri in sequenza per Alonso, che ritocca il suo miglior tempo di mezzo secondo. Prima si parlava della pole 2013, lontana ancora 8 secondi, tuttavia, il miglior giro di Vettel in gara è a 3″5 dal 1’40″6 di Hamilton. Il gap prestazionale è sicuramente inferiore ai 5 secondi stimati dai team.

    8:24 – Hamilton scende fino a 1’40″625 dopo sette giri, di cui tre cronometrati. Tempo non male se consideriamo la pole 2013 in 1’32″ e il delta stimato di 5 secondi tra monoposto dello scorso anno e quelle attuali.

    Chi resta ancora chiuso nel garage dopo un’ora di prove è la Red Bull… (insieme alla Toro Rosso)

    8:14 – Asfalto a 34° C, aria a 19.

    8:11 - La Sauber rientra dopo 9 giri, buon avvio per Sutil.

    8:00 - Sutil fa il primo tempo di giornata e ha all’attivo 4 giri, il migliore in 1’44″335. Ferrari e Mercedes sono in pista per rilevamenti aerodinamici, con le griglie installate sulle monoposto

    7:55 - Quanto ad Alonso, sulla F14T c’è stato un eccesso di olio che ha provocato una grande fumata in uscita dai box; la Ferrari è riuscita a rientrare in pitlane da sola seppur molto lentamente, ecco il motivo della bandiera rossa durata pochi minuti. Ancora chiusi nel garage in Red Bull.

    alonso bandiera rossa bahrain

    7:45 - Diamo uno sguardo alla nuova Lotus E22, per la prima volta in pista. La monoposto si caratterizza per il muso sdoppiato, ulteriore interpretazione del regolamento tecnico 2014. Quest’ultimo prescrive come il musetto debba avere un’unica punta ed è quel che fa la soluzione Lotus, perché la “zanna” di destra è leggermente più lunga rispetto a quella di sinistra. Entrambe fanno parte della struttura di assorbimento e svolgono la funzione aerodinamica di paratie, turning vanes che incanalano l’aria verso il fondo. Così, i vantaggi sono senz’altro superiori allo svantaggio di avere una sezione complessivamente superiore rispetto al tradizionale disegno di un’unica “proboscide” al centro.

    La parte centrale sfoggia i piloncini verticali ai lati delle pance, evoluzione di quelli 2013 e raccordati da un elemento orizzontale con il cockpit. Al retrotreno, inusuale la scelta di ancorare l’ala con un unico supporto, posizionato accanto allo scarico; si intravedono, inoltre, due ampi sfoghi d’aria proveniente dalle pance, in stile McLaren. Sul diffusore, infine, un secondo nolder è posto sul bordo superiore, resta da capire se sia collegato alle paratie dell’alettone o meno.

    7:38 – Si riparte, pitlane aperta

    7:34 – Record: prima bandiera rossa di giornata. E’ Alonso a essersi fermato nel corso dell’installation lap

    nuova Lotus E22

    7:32 - Finalmente semaforo verde, via alle 8 ore di test! Grosjean subito in pista con la E22

    Lotus E22 Bahrain, Grosjean

    7:22 – Ecco la spiegazione dalla Ferrari: commissari impegnati nella ricognizione in pista.

    Il tweet da casa Lotus va preso con le molle, considerando l’indole spesso irriverente delle loro comunicazioni: il ritardo nell’inizio dei test sarebbe da attribuire all’insufficienza di commissari di pista.

    7:14 – Viene annunciato un ritardo nell’inizio delle prove, al momento non sappiamo il perché

    Dalla Renault comunicano (com’era scontato fosse) che si proveranno modifiche all’hardware e software delle power unit V6. Novità anche al muretto McLaren, dove vedremo nel suo nuovo ruolo (e scuderia) Eric Boullier.

    7:00 - Perché si va in Bahrain? Per avere già alle 9 del mattino locali 30 gradi sull’asfalto (17° C l’aria)

    6:56 – Ben svegliati, tra pochi istanti partono i test in Bahrain. L’ultima scuderia ad annunciare il proprio pilota impegnato oggi è la Williams, che schiererà Massa

    Nuova sede Scuderia Ferrari F1 a Maranello