F1 2014, Test Bahrain seconda giornata: ancora Perez al top, Alonso c’è [FOTO e VIDEO]

Altra giornata di test per la Formula 1 in Bahrain e altro miglior tempo per la Force India

da , il

    Ci ha preso gusto Sergio Perez, in testa alla classifica dei tempi nella seconda giornata di test in Bahrain. Il messicano precede di pochi centesimi Alonso e ha ottenuto il crono al mattino, senza che nessuno riuscisse a fare meglio.

    Oltre a svettare sul giro secco – ricordando comunque che siamo molto distanti dal record di Rosberg e che non si è provato in condizioni da qualifica – Perez è riuscito a portare a termine anche una simulazione gara al pomeriggio, girando su tempi interessanti e allineati ai migliori. Gara simulata anche da Alonso, provando gomme medie e morbide, con tempi tra 1’39″ e 1’42″ alto, a seconda delle fasi. Giornata esente da intoppi per lo spagnolo, impegnato nella valutazione delle gomme Pirelli e nell’affinamento dell’assetto sulla F14 T.

    Alle sue spalle, distanziato di un nulla c’è la Red Bull di Ricciardo. Mattinata tribolata, ricca di difficoltà e pochi giri per i campioni del mondo; dopo la pausa pranzo sono riusciti a girare con più costanza ma su stint mediamente brevi. Nonostante il tempo dica terza posizione, c’è ancora molto da fare.

    Test complicati anche per la McLaren. Button al mattino ha causato una bandiera rossa e la MP4-29 è rimasta ferma ai box fino a un’ora dal termine delle prove, per non meglio specificati problemi. Difficoltà anche in Mercedes, ma alla fine del programma: 89 giri per Hamilton, sesto, bloccato dal cambio e costretto a chiudere con 60 minuti d’anticipo. Ancora peggio è andata alla Lotus: Maldonado in panne con motore in fiamme, test conclusi poco dopo la ripartenza dalla sosta di metà giornata.

    CLASSIFICA TEMPI TEST F1 BAHRAIN – 2a giornata

    1. Perez -Force India- 1m35.570

    2. Alonso -Ferrari- 1m35.634 +0.064

    3. Ricciardo -Red Bull- 1m35.743 +0.173

    4. Massa -Williams- 1m36.507 +0.937

    5. Button -McLaren- 1m36.901 +1.331

    6. Bianchi -Marussia- 1m38.092 +2.522

    7. Hamilton -Mercedes- 1m39.041 +3.471

    8. Vergne -Toro Rosso- 1m39.636 +4.066

    9. Gutierrez -Sauber- 1m39.976 +4.406

    10. Maldonado -Lotus- 1m41.613 +6.043

    11. Ericsson -Caterham- 1m42.516 +6.946

    a cura di: @fabianopolimeni

    Con 1’36″692, Massa balza in quarta posizione. Button, scavalcato dal brasiliano, punta a restare in pista fin sotto la bandiera: ancora 22 minuti. Ricciardo è riuscito a fare uno stint di 6 giri e vede quota 50 tornate in totale

    15:03 – Il meeting tra Federazione e team che doveva decidere sull’estensione dei punti doppi alle ultime tre gare ha portato a un esito negativo: punteggio doppio solo ad Abu Dhabi. Non è stata concessa, inoltre, alcuna deroga all’omologazione dei motori V6.

    14:55 - Ripartono i test, Button e Gutierrez i primi a rientrare

    14:47 – Bandiera rossa. In fiamme la Caterham di Ericsson

    14:38 - Sulla Mercedes oggi si è visto un nuovo cofano motore, molto più ampio nella zona terminale dello scarico, pensato per offrire un maggior sfogo d’aria e migliorare il raffreddamento.

    14:31 – Prove concluse per Hamilton. Problemi al cambio e 89 giri completati oggi. A suo modo, è una notizia

    14:30 - Torna in pista Button, ancora 60 minuti di prove per lui

    14:20 - Dopo 14 giri con le morbide, Alonso torna ai box per cambiarle. Ricordiamo che Hamilton ha fatto 19 giri con le medie e 22 con le dure, quindi la scelta aggressiva di testare le mescole più morbide per la simulazione gara può dirsi aver dato un buon risultato almeno in termini di durata.

    14:14 – Torna in pista Ricciardo e ritocca ulteriormente il suo miglior tempo, scende fino a 1’35″7

    Cambiate le gomme Alonso è sceso a 1’39″ e poi 1’40″

    13:58 - Lo spagnolo vede i 100 giri a portata di mano dopo il pit-stop nella sua simulazione gara. Chi non vede, invece, la pista da molto è Button. La McLaren si è fermata stamane e dal box avevano anticipato che i lavori sarebbero durati a lungo. Speriamo di rivederli prima della conclusione, mancano 90 minuti circa alla bandiera a scacchi.

    I tempi di Alonso in questa parte della simulazione sono sull’1’42″ medio-alto. Ieri, intanto, Raikkonen non ha portato all’esordio solo la nuova ala anteriore, ma anche una piccola aletta posizionata sopra l’airscope, appena sotto la telecamera a T. Negli anni scorsi abbiamo visto numerose appendici in quella zona, seppur un po’ più in basso

    13:49 - Mentre la maggior parte dei piloti sono su long run e simulazione gara, Ricciardo scende per la prima volta in due sessioni di test qui in Bahrain a 1’36″340

    Contagiri

    Sergio Perez, 62

    Fernando Alonso, 84

    Jenson Button, 20

    Daniel Ricciardo, 34

    Jules Bianchi, 59

    Lewis Hamilton, 87

    Felipe Massa, 80

    Jean-Eric Vergne, 45

    Esteban Gutierrez, 61

    Pastor Maldonado, 31

    Marcus Ericsson, 37

    13:34 – Prove finite per la Lotus. Proseguono le indagini sulle cause che hanno portato allo stop Maldonado, con principio di incendio. Ieri era stato il nuovo scarico a dare problemi, oggi si era tornati alla specifica precedente.

    13:31 - Ricciardo passa in quarta posizione con 1’37″6, tre decimi più rapido rispetto a ieri. Uno sguardo alla Toro Rosso, invece, per dire di una copertura motore modificata e ampliata in corrispondenza del V6 Renault.

    13:25 - Anche in Sauber sono pronti per iniziare i long run con prove di pit-stop. Intanto, arriva la notizia che la FOTA (l’associazione dei team; ndr) è stata sciolta. Viene da chiedersi cosa abbia mai ottenuto

    13:15 – Tornando alla tecnica, sulla Mercedes si fanno notare i turning vanes sotto al muso. Riprendono due concetti diversi, visti entrambi già all’opera nel 2013: quello McLaren e quello Ferrari, per esemplificare. La parte anteriore è a L, molto verticale, per poi curvare verso l’esterno e offrire due aperture, due branchie come quelle sfoggiate dalla Ferrari, sebbene molto più svergolate sulla rossa.

    Anche il profilo del bordo d’ingresso è diverso, quasi a goccia.

    La Red Bull riesce a mettere insieme un po’ di giri in sequenza, ma dopo il miglior giro sul 1’39″155, Ricciardo adesso viaggia a due secondi da questo riferimento. Possiamo definirlo un passo a rilento, di sicurezza, per macinare chilometri, perché è equivalente a quello di chi ha fatto una simulazione gara (che dubitiamo stiano facendo in Red Bull).

    13:07 - Massa è pronto per il long run pomeridiano, così come Alonso che ha già iniziato e sta tendo un ritmo da 1’43″. Quanto al programma condotto dallo spagnolo al mattino, si è trattato di valutazioni sulle gomme (morbide e medie) e un lavoro sugli assetti

    13:00 - Riprendiamo la diretta dei test di Formula 1 in Bahrain raccontando quanto è avvenuto nel periodo non collegati. Poco da raccontare, ma estremamente importante. Maldonado con la Lotus ha provocato una bandiera rossa fermandosi alla curva 4. Sulla Lotus si è intravisto un principio di incendio e dal box inglese fanno sapere che non sanno se riusciranno a tornare in pista nelle 2 ore e mezza che mancano alla chiusura della giornata. Ricciardo, attualmente in pista insieme a Perez, ha ottenuto il sesto tempo dopo tante difficoltà e pochi giri al mattino: vedremo cosa riuscirà a fare adesso

    _________________________

    10:58 – Con il quarto tempo di Bianchi i test in Bahrain vanno in pausa pranzo.

    Contagiri

    Hamilton (Mercedes) 61

    Alonso (Ferrari) 45

    Massa (Williams) 39

    Gutierrez (Sauber) 34

    Perez (Force India) 33

    Bianchi (Marussia) 28

    Vergne (Toro Rosso) 27

    Ericsson (Caterham) 22

    Button (McLaren) 20

    Maldonado (Lotus) 17

    Ricciardo (Red Bull) 13

    Qui potete vedere gli “adesivi” Pirelli sulle gomme, per rilevare la temperatura una volta uscite dalle termocoperte. Le prescrizioni sono di non superare i 110° C, mentre sappiamo che la temperatura solitamente a cui vengono portate le gomme è di 90° C.

    10:42 - McLaren annuncia che torneranno in pista nel pomeriggio, perché stanno investigando sul problema che ha fermato Button in precedenza.

    10:38 - Interessante tenere d’occhio Alonso: non è la prima volta che fa il record nel T1 e poi abortisce il giro; T1 di Sakhir che è composto esclusivamente da due lunghi rettilinei e altrettante violente staccate, oltre a una ripartenza da fermo (o quasi) dopo la curva 1.

    Per la serie parcheggiati in Formula 1, ricordate il cinese-fenomeno-da-baraccone Ma Qing Hua? Ecco, lo ricordiamo a Monza sulla Caterham, prima volta di un cinese su una Formula 1. Il suo 2014 sarà nel Wtcc con Citroen, accanto a Loeb e Muller: trovate l’intruso…

    10:34 - Prove di pit-stop per Ricciardo, fa degli out-in con cambio gomme incluso.

    10:30 - Secondo pitstop per Hamilton dopo 22 giri su gomme dure, adesso tocca di nuovo alle medie nella sua simulazione gara. Il primo stint con questo compound era stato di 19.

    Buone notizie da Alonso: 1’35″634 con gomme medie contro l’1’36″516 miglior crono personale della scorsa sessione. Meno buone le ultime dalla McLaren, sembra ci vorrà un po’ di tempo prima che possano riprendere i test

    10:20 – 1’40″8, questo il primo tempo registrato da Ricciardo: ottava piazza per lui

    Perez si avvicina al suo crono di ieri e segna 1’35″570. In pista abbiamo 43° C.

    Quanto alle questioni regolamentari, se dovesse essere necessario un cambiamento di software, questo sarebbe consentito, perché non menzionato nell’Appendice 4 del Regolamento tecnico, dove si prescrivono, invece, specifiche omologazioni con validità annuale per altri componenti “fisici”

    10:10 - Dopo le indiscrezioni della stampa tedesca, a questo punto c’è da chiedersi quanto realmente in Renault facciano affidamento su un cavaliere bianco (la Fia) che conceda deroghe per ragioni di affidabilità. La risposta la dà Remi Taffin, responsabile in pista della casa francese: «Quando inizi la stagione con un nuovo motore sai che nel corso della stessa avrai un po’ di problemi di affidabilità che risolverai secondo le normali regole, giuste ed eque. Se guardiamo agli ultimi sei anni, credo che abbiamo concluso con un V8 che aveva il 95% dei componenti cambiati rispetto all’inizio: sarà la stessa cosa per noi. Domani (oggi, ndr) sottoporremo la nostra specifica per Melbourne e consegneremo tutte le specifiche e i documenti che servono. Ovviamente, se avremo ancora alcuni problemi da risolvere, seguiremo lo stesso procedimento».

    In Caterham annunciano che sono arrivati nuovi pezzi dalla fabbrica e sperano di poter tornare in pista prima della pausa pranzo (11:00 – 11:30 italiane)

    10:03 - Con la sua simulazione gara in corso, Hamilton passa i 42 giri all’attivo ed è il più presente in pista nella mattinata

    9:59 – La stampa tedesca riporta la notizia secondo la quale in Renault avrebbero chiesto lo spostamento del termine ultimo per presentare la specifica finale dei motori e chiedere l’omologazione

    9:54 – Perez e Maldonado riprendono a girare e il pilota Force India ripete con facilità il suo miglior tempo, dal quale dista 3 decimi nell’ultimo passaggio

    Contagiri

    Sergio Perez, 22

    Jenson Button, 20

    Fernando Alonso, 32

    Jules Bianchi, 21

    Jean-Eric Vergne, 17

    Felipe Massa, 19

    Lewis Hamilton, 37

    Marcus Ericsson, 15

    Esteban Gutierrez, 21

    Pastor Maldonado, 5

    Daniel Ricciardo, 4

    9:50 - Bandiera verde, riapre la pista

    In attesa che riprendano i test in Bahrain, alcune dichiarazioni di Raikkonen sull’adattamento del setup Ferrari al suo stile di guida, riportate da Sky News UK: «Passando da un team all’altro, è stato un po’ difficile all’inizio trovare un buon feeling e setup, ma ci stiamo arrivando piano piano. Avremmo voluto fare più giri, ma è così che vanno i test. Abbiamo migliorato molto [la macchina] dall’inizio, ci sono ancora margini e aree di miglioramento, è a quello che stiamo guardando pur non essendo in una situazione cattiva. Si tratta di raggiungere quel che vorrei e che serve; per di più ci sono i regolamenti a rendere tutto più complicato», ha detto parlando della guidabilità della F14 T.

    9:32 - Hamilton è su una simulazione gara: pit stop dopo 19 giri con gomme medie, ha montato le dure e prosegue. Maldonado, nel frattempo, realizza il primo tempo cronometrato ma la sessione si ferma per la seconda bandiera rossa: Button fermo, mentre Alonso aveva marcato il miglior T1

    9:21 - Un tipo del quale certo non sentiremo la mancanza è Vitaly Petrov. Il russo è riuscito a trovare un sedile in Mercedes, ma nel Dtm, seguendo la strada percorsa da Di Resta.

    Alonso è il più attivo finora in pista: 30 giri completati senza problemi.

    9:09 - Massa migliora e segna 1’38″8, Hamilton ha iniziato un long run su gomme medie e i tempi ci dicono che ha tanta benzina a bordo, perché da 1’41″ è passato a 1’42″, contro l’1’39″ che nei long run di questi test è sembrato un ritmo alla portata dei migliori su stint medi. Potrebbe trattarsi già di una simulazione gara per l’inglese, vedremo come evolverà

    9:03 – Red Bull e Lotus hanno coperto finora appena 2 giri

    8:54 - Hamilton è pronto a tornare in pista. Nel frattempo, arriva un’immagine del posteriore della Red Bull RB10. L’abbiamo vista così poco in azione che è raro riuscire a studiare alcuni particolari.

    Anzitutto ci colpisce l’altezza da terra. Al netto del punto di ripresa, la differenza tra asfalto (verde) e fondo piatto (rosso) è davvero notevole, a conferma dell’assetto in picchiata, caricato in avanti, già visto nelle passate stagioni. Sempre sul diffusore (giallo) si presenta molto semplificato nella parte esterna, con le derive concentrate nella zona centrale. Da ultimo (freccia rossa), gli sfoghi d’aria sono di dimensioni ridotte se confrontate, ad esempio, con quelle viste sulla McLaren

    8:49 - Mentre l’attività in pista non dà grossi spunti di discussione, alcuni si possono trarre dalle gomme Pirelli. Detto di un nuovo sistema di misurazione della temperatura, attraverso degli stickers adesivi, va segnalato come le simulazioni gara condotte in questi giorni siano state portate a termine con un solo pit-stop. Asfalto liscio quello di Sakhir, tuttavia, la consistenza delle gomme e il progressivo decadimento dei tempi, sono un fattore di incertezza in meno. Da Melbourne dovremmo poterci concentrare su altri elementi che non siano le gomme

    Due out-in per l’australiano. Nel frattempo c’è già chi vede i 20 giri a portata di gas: Perez al momento ne ha completati 17

    8:32 – Ricciardo effettua l’installation lap

    Arriva l’1.42.1 di Vergne su Toro Rosso, oltre a un ritocco di tre centesimi del tempo di Alonso. Novanta minuti di test e nemmeno un installation lap per Ricciardo

    8:24 - Nuovamente Perez a prendersi la leadership con 1.36.440, mentre Button e Bianchi ottengono i primi riscontri cronometrici. Dalla Marussia annunciano che oggi pomeriggio si concentreranno sui long run, mentre al mattino stint corti

    8:18 - Riprendono i test

    Questa è l’immagine di Hamilton dopo lo stop. Ne approfittiamo per segnalare i nuovi sfoghi d’aria maggiorati ai lati del cockpit, molto simili a quelli usati nel 2013 dopo che a Jerez (altre temperature…) erano comparse feritoie più piccole; inoltre si notano anche le modifiche alle paratie laterali sulle pance, i condizionatori di flusso ora con la parte superiore collegata alla pinna verticale più esterna. Inoltre possiamo dire che non ha toccato le barriere, dev’essersi trattato di un guasto alla monoposto o uno stop precauzionale.

    8:07 – Bandiera rossa, la prima oggi: è Hamilton a essersi fermato. L’inglese sembra aver toccato le barriere alla curva 3 nel T1. Nessun danno di rilievo sulla macchina, resta da capire se si sia trattato di un errore di guida o un guasto

    7:53 - Dalla Sauber comunicano che stamane faranno brevi run e lavoro sull’aerodinamica. E’ trascorsa quasi un’ora senza traccia della Red Bull

    Confermiamo che la rastrelliera aerodinamica è stata montata insieme alla nuova ala anteriore, avvalorando la tesi che si stanno verificando i flussi e l’aggiramento delle ruote. Alonso è tornato in pista e stacca il miglior tempo con 1’37″274 con gomme medie

    7:48 - Anche Lotus e Williams stanno effettuando raccolta dati sull’aerodinamica

    7:41 - Ancora non si sono visti Ricciardo ed Ericsson per il loro installation lap

    7:33 – Anche per Hamilton arriva un tempo cronometrato: 1’40″. Alonso va in pista con la griglia dei sensori posizionata davanti alle pance, per valutare l’impatto dei flussi con le ruote e il loro andamento. Probabile che serva anche per osservare il funzionamento dell’ala anteriore e l’aggiramento delle ruote stesse

    Giornata meno calda del solito a Sakhir, al momento 23° C l’aria, 26 l’asfalto

    7:25 - Giusto per la cronaca, registriamo il primo tempo di giornata: Perez, 1.46.166. Poca attività in pista al momento. Decisamente più consono al livello del team espresso ieri è il secondo passaggio, che vale 1.38.0

    7:15 – Vi dobbiamo alcune info dalla giornata di ieri. Kimi Raikkonen ha chiuso provocando l’ultima bandiera rossa, restando fermo in pista senza carburante. Inoltre, il finlandese domani proverà in condizioni da qualifica e gara, in quello che sarà l’ultimo giorno di test prima di tornare in macchina nelle libere del Gp d’Australia

    7:03 - Semaforo verde, inizia la seconda giornata di test in Bahrain. Trenta gradi la temperatura attuale dell’asfalto.

    Test Bahrain F1 2014, giornata 1