F1 2014, ufficiale: Red Bull annuncia Ricciardo accanto a Vettel [FOTO] [VIDEO]

Daniel Ricciardo ufficializzato pilota titolare della Red Bull per la stagione 2014 di Formula 1

da , il

    F1 2014: Red Bull ufficializzerà Ricciardo, Raikkonen attende la chiamata Ferrari

    Era diventato ormai il segreto di Pulcinella e la Red Bull mette fine alla telenovela sul secondo pilota che affiancherà Sebastian Vettel nel 2014. Sarà Daniel Ricciardo a subentrare a Webber, così ha annunciato Helmut Marko in serata.

    L’australiano avrà una chance importante, anche se non va sottovalutato l’impatto della rivoluzione tecnica che attende tecnici e team.

    Resta da posizionare adesso la tessera Raikkonen, a metà tra un suggestivo ritorno in Ferrari e una scommessa che in Lotus rischia di non garantirgli una base tecnica buona per lottare per il mondiale. A Maranello che faranno?

    Agg.: Fabiano Polimeni

    Ricciardo ufficiale in Red Bull

    Helmut Marko non sta più nella pelle. L’uomo di fiducia di Dietrich Mateschiz aveva già ammesso che Daniel Ricciardo era il pilota prescelto per guidare la Red Bull nel 2014. Ricciardo già punta a confrontarsi con Vettel:“Conosco Seb bene, perché sono stato nel 2010 il pilota di riserva. Siamo andati a cena un paio di volte assieme e ci siamo trovati molto bene. So che non partirò al suo pari ma il mio obiettivo è quello di diventare il migliore”, ha dichiarato il 23enne australiano. “Sono molto emozionato perché ho ottenuto quello a cui ho puntato da quando nel 2011 ho debuttato in F1 – ha aggiunto sul sito ufficiale del team austriaco – il prossimo anno correrò per un team campione del mondo e mi sento pronto per questo. Non ho mai pensato di essere qui per lottare per un decimo posto. Il fatto di essere già stato pilota di riserva [alla Red Bull nel 2010, ndr] faciliterà il mio processo di ambientamento”.

    Horner: “Ricciardo scelta più logica”

    Christian Horner: “E’ fantastico confermare Daniel come nostro pilota per il 2014. E’ stata una scelta logica visto il suo coinvolgimento e le sue capacità. E’ entrato nel Red Bull Junior Team nel 2008 e abbiamo visto sia in Formula 3 che in Renault World Series la sua capacità di vincere gare e campionati. Lui ha tutti gli attributi che chiediamo ad un pilota del nostro team: ha una grande dote naturale, una buona personalità ed è un gran ragazzo con il quale lavorare assieme. Daniel sa cosa ci aspettiamo da lui. Imparerà velocemente. Ha una grande opportunità e penso che diventerà una stella del futuro”.

    Newey: “Ricciardo è il più promettente”

    Adrian Newey: “Da quando Mark [Webber, ndr] ha annunciato il suo ritiro, io e Christian [Horner] abbiamo guardato con attenzione al mercato piloti assieme ad Helmut Marko e Dietrich Mateschitz. Potevamo prendere un pilota con esperienza, qualcuno che avesse note capacità [riferimento a Raikkonen] oppure potevamo puntare su un giovane con la speranza che potesse arrivare ad alti livelli. Abbiamo optato per questa seconda ipotesi arrivando alla conclusione che, tra i giovani piloti, Daniel è il più promettente. Dal punto di vista della Red Bull questo suona bene anche perché lui già fa parte del programma Red Bull per giovani talenti. Questa scelta mi ricorda quanto accadde con la Williams quando Nigel Mansell lasciò la F1 ed al suo posto arrivò Alain Prost. Allora dovevamo decidere se proseguire con Riccardo Patrese o puntare su un giovane pilota chiamato Damon Hill che all’epoca era il nostro tester. Penso sia positivo dare una possibilità a piloti promettenti”.

    Le voci di mercato

    Daniel Ricciardo è stato ufficializzato prima di Monza come pilota titolare della Red Bull per la stagione 2014 di Formula 1. E’ lui il successore di Mark Webber ed il nuovo compagno (quanto scomodo?) di Sebastian Vettel che, nel frattempo, si appresta a conquistare il quarto alloro iridato consecutivo. Roba da fenomeni veri. Ognuno ha giocato le sue carte. Le decisioni sono state prese. Kimi Raikkonen ha smesso di cullare il sogno di approdare al team più forte degli ultimi anni ed ora spera in una chiamata da parte della Ferrari. Solo come ripiego ultimo, deciderà di restare in Lotus nonostante Boullier continui a promettergli una gran macchina anche per il prossimo anno. A differenza degli austriaci, gli italiani non hanno nessuna intenzione di decidere il sostituto di Felipe Massa entro breve.

    Raikkonen: sfuma il sogno Red Bull

    E’ il manager di Kimi Raikkonen, Steve Robertson, ad informare i giornalisti finlandesi – Turun Sanomat su tutti – che la trattativa con la Red Bull si è conclusa senza esito:“Il nostro negoziato non ha avuto successo. Ci siamo fermati da un po’ di tempo”, ha ammesso. Gli austriaci hanno preferito puntare su Daniel Ricciardo. Il sogno sfuma. I tifosi dell’uomo di ghiaccio ci speravano profondamente di poterlo vedere in una lotta ad armi pari con Sebastian Vettel. Non erano gli unici. Anche i detrattori del tedesco avrebbero gradito un compagno di squadra un po’ più scomodo per testare, a livello assoluto, le doti del pilota più vincente dell’ultima decade. Un discorso analogo potrebbe stare in piedi parlando di Fernando Alonso. Raikkonen, così come 12 mesi fa, si è offerto alla Ferrari. Domenicali lo vorrebbe. Montezemolo è scettico. Massa, però, è un problema da risolvere. Il campione del mondo 2007 potrebbe anche decidere di restare in Lotus per un altro anno sperando che i nuovi, tanto attesi, azionisti siano in grado di dare un consistente impulso economico alla compagine di Enstone.