F1 2014, Vettel: “In Red Bull non c’è certezza di aver risolto i problemi”

F1 2014: anche Sebastian Vettel si mostra scettico sulle possibilità di un rapido ritorno alla competitività della Red Bull dopo i problemi dei primi test con il motore Renault

da , il

    F1 2014, Vettel: "In Red Bull non c'è certezza di aver risolto i problemi"

    E se Adrian Newey avesse clamorosamente sbagliato il progetto Red Bull RB10? Per il momento tutti gli indizi del flop registrato dai campioni del mondo di Formula 1 in carica è da attribuirsi ai motoristi delle Renault. Ma cosa succederà tra meno di 48 ore quando prenderà il via la seconda settimana di prove invernali? A mostrarsi per nulla ottimista è, in primis, Sebastian Vettel:“A Jerez non è andata bene per noi - ha dichiarato in una intervista alla Bild ricordando la miseria di 21 giri compiuti in 4 giorni – gli altri hanno fatto più chilometri di noi e questo conta molto quando hai delle monoposto del tutto nuove. E’ bene che i problemi arrivino adesso anziché in gara. Sia noi della Red Bull che la Renault dovremmo averli risolti ma non c’è certezza”.

    Motori V6 turbo: Mercedes più avanti, Renault indietrissimo

    La Mercedes ha stupito per affidabilità e velocità. La Ferrari ha provato a restare in scia dei tedeschi promettendo molte sorprese ancora da sfoderare da qui a quando, verso metà marzo, si comincerà a fare sul serio. La Renault, invece, non è riuscita a nascondere il grave ritardo nello sviluppo:“Tutti quelli motorizzati Mercedes sono sembrati forti a Jerez, ma non sono stato sorpreso perché si sapeva che loro stavano lavorando da molto sul nuovo motore”, ha aggiunto Sebastian Vettel. Chi prova a chiudere la polemica nata tra i lattinari ed i transalpini è il superconsigliere Helmut Marko:“Abbiamo un accordo a lungo termine che è legato anche alle prestazioni. In questo momento stiamo lavorando assieme per trovare una soluzione ai problemi”, ha affermato l’ex pilota austriaco commentando le voci di una Red Bull in cerca di altro motorista per il 2015. L’ultima indiscrezione in tal senso, racconta che la scuderia di Milton Keynes starebbe addirittura pensando di farsi in casa il V6 turbo per poter rispondere al meglio al vantaggio competitivo di Mercedes e Ferrari. La cosa, però, appare alquanto improbabile. Perlomeno nel breve periodo.

    FIA: legalizzati i “donuts” alla Vettel

    Non sappiamo quando arriverà la prossima vittoria di Sebastian Vettel. La capacità di reazione dei tecnici alle dipendenze di Chris Horner e Adrian Newey, ha stupito più volte. Quindi, il 4 volte iridato potrebbe trovarsi a rifare i suoi ormai celebri cerchi sull’asfalto ben prima di quanto questo avvio di test invernali non faccia presagire. La buona notizia per lui è che la FIA non lo multerà più:è stato modificato l’articolo 43.3 del regolamento precisando che gli atti celebrativi sono concessi purché effettuati in piena sicurezza, senza ritardare la cerimonia di premiazione o alterare la regolarità della monoposto.