F1 2014, Villeneuve: “Vettel è già fuori dalla Red Bull”, Horner intanto critica la Renault

Formula 1: l'avventura di Vettel in Red Bull è al capolinea? Così sembra vedendo come la squadra ha smesso di supportarlo ed ora punta su Ricciardo

da , il

    F1 2014, Villeneuve: "Vettel è già fuori dalla Red Bull"

    Sebastian Vettel è già virtualmente fuori dal club Red Bull! Come no? La stagione 2014 di Formula 1 rappresenta l’inizio della fine nel rapporto tra il quattro volte iridato e la scuderia di Dietrich Mateschitz. A toglierci il prosciutto dagli occhi è Jacques Villeneuve che, in un’intervista rilasciata a Omniauto, vede così lo stato dell’arte all’interno della scuderia del beverone:“Adesso viene trattato come toccava a Mark Webber. Sembra che abbiano deciso di puntare solo su Daniel Ricciardo. Vogliono “ammazzare” Sebastian perché il tedesco non è capace di dare altra immagine alla Red Bull. Perché a vincere sarebbe Vettel e non la squadra. Non può restare una stagione di più. Anche Marko ha iniziato a criticarlo: quando perdi il controllo della squadra sei finito. La Red Bull cerca sempre la novità. Ora è il momento di Ricciardo Hanno Ricciardo. Lì Vettel è finito“. Il canadese ha parole dure anche per Kimi Raikkonen:“Non ci son scuse per un campione del mondo. Dopo 2 o 3 gare non si può più parlare ancora di adattamento alla macchina…”

    Vettel evita la penalità

    L’incidente con Gutierrez durante il GP d’Austria quando i giochi erano già chiusi per Sebastian Vettel poteva costargli caro. La Red Bull numero 1 ha rischiato di beccarsi anche una penalità da scontare nel prossimo Gran Premio di Gran Bretagna. Dopo aver analizzato i fatti, però, la direzione gara ha deciso di graziare il tedesco che, nonostante non abbia rispettato l’articolo 16.1 del regolamento sportivo, ha potuto beneficiare della linea di giudizio più morbida che è venuta fuori dopo l’ultimo meeting della F1 Commission. Gutierrez, invece, a causa dell’unsafe release, partirà a Silverstone con un arretramento di 10 posizioni.

    Renault non esce dal vortice delle critiche

    La Red Bull pare sforzarsi di non criticare la Renault. Ma non ce la fa. Newey, Horner e compagnia bella sanno di aver progettato anche per questo 2014 una buona macchina ma vedono i loro sforzi annullati da delle power unit non all’altezza: “Siamo in una situazione frustrante – ha ammesso il team principal della Red Bull Con loro abbiamo vinto quattro titoli ma le prestazioni di quest’anno non sono giustificabili. Devono intervenire”. Smaltita la delusione, Horner ha poi parlato a nome di tutto il team mettendo un po’ di acqua sul fuoco:“Non ci faremo un motore da soli - si legge su Autosport – ma abbiamo alcune opzioni da valutare dando la precedenza al nostro attuale fornitore cercando già dalla stagione in corso di migliorare”. Da Zeltweg, però, emergono altri dettagli che rovinano l’immagine della Renault: il problema accusato da Vettel nelle primissime fasi di gara sarebbe determinato da alcune impostazioni del software cambiate dai motoristi francesi poco prima della partenza. “Ci siamo accorti che il cambio di mappatura fatto in partenza ha creato alcuni conflitti a livello di elettronica. In vista di Silverstone approfondiremo l’accaduto affinché non si ripeta”, ha ammesso Remi Taffin.