F1 2015, Alonso ci sarà al GP di Malesia: arrivato l’ok dai medici della FIA!

Formula 1 2015: Fernando Alonso ha superato gli esami imposti dai medici della FIA e gareggerà al Gran Premio della Malesia 2015. I dettagli.

da , il

    Fernando Alonso

    La notizia era nell’aria ma ora è ufficiale: Fernando Alonso gareggerà al Gran Premio della Malesia 2015. I medici della FIA, a Cambridge, hanno sottoposto il pilota a diversi test ed esami per verificare lo stato dei riflessi e della memoria a breve e lungo termine. Alonso ha passato i test senza problemi dimostrando di aver recuperato appieno dal gravissimo incidente. L’asturiano dovrà ora superare un ultimissimo esame a Sepang per ottenere il via libera da parte di Jean-Charles Piette, delegato medico della Federazione in Malesia. Quest’ultimo accertamento è più una formalità che un vero esame e dunque Alonso riprenderà il suo posto a bordo della nuova McLaren Honda. Dopo questa pausa forza è dunque pronto a rimettersi in pista e iniziare la sua stagione 2015. Ora il vero ostacolo da superare per Alonso è la scarsa competitività della McLaren-Honda. Nel primo Gran Premio dell’anno la scuderia di Woking ha collezionato zero punti iridati con l’undicesimo posto di Button e il ritiro forzato di Magnussen. Riuscirà ad essere subito competitivo? In attesa di scoprirlo, sfogliate le pagine per leggere ciò che è successo negli ultimissimi giorni ad Alonso.

    Le parole di Boullier

    Eric Boullier viene indicato da più parti come il cuscinetto in grado di far coabitare nello stesso pollaio due personalità forti e spesso contrastanti come quelle di Ron Dennis e Fernando Alonso:“No, non è vero – ha affermato il team principal a El Pais – non c’è nessun problema tra squadra e pilota. Mi sono occupato io di portare avanti le indagini in prima persona e di essere trasparente con lui ed il suo staff in merito all’accaduto sin da quando è stato portato in ospedale.” In merito alle condizioni fisiche di Alonso, Boullier ha aggiunto a Sky Sports Uk:“E’ in perfetta forma e non vede l’ora di fare i test della FIA”.

    In McLaren credono ancora di poter vincere qualcosa

    “Penso che non succederà tra tre o quattro gare ma entro la fine della stagione saremo competitivi”, ha dichiarato Eric Boullier andando in contrasto con quanto ragionato dalla maggior parte degli addetti ai lavori. In effetti, avvio peggiore di stagione non poteva esserci per la nuova accoppiata McLaren-Honda. Eppure anche Jenson Button vede positivo:“E’ un binomio destinato a portare grandi risultati – si legge su Autosport – non c’è squadra migliore della nostra per contrastare la Mercedes. So che sarà una strada lunga ma in Formula 1 non esistono imprese facili. La MP4-30 è una monoposto unica: l’aerodinamica e l’intera ricerca attorno ai flussi d’aria è un qualcosa di mai visto prima. Ci sono aree ancora da sviluppare ma la base di partenza è buona. Il comportamento della macchina è molto pulito e dobbiamo solo cercare di tirare fuori un po’ più di aderenza e di velocità. Non mi aspetto di guadagnare due secondi al giro da un weeekend all’altro, però, punto ad una crescita costante e sensibile”.

    Bottas ancora in forse per il GP di Malesia

    Al di là di Alonso, c’è un altro assente del GP d’Australia in fibrillazione. Valtteri Bottas non è affatto sicuro di poter partecipare al GP di Malesia a causa dei soliti dolori alla schiena. Claire Williams ha riferito ad Autosport che il pilota sta facendo di tutto per esserci, ma non ci sono certezze:“Sta affrontando le cure del caso per tornare al 100% in forma e noi gli stiamo dando il massimo del supporto ma è stata la FIA a ritenerlo non idoneo per cui toccherà a loro dare l’assenso definitivo giovedì prossimo in vista del weekend. Attualmente è in Indonesia al lavoro con un fisioterapista ed il suo personal trainer per fare la riabilitazione in un cllima caldo e umido come quello di Kuala Lumpur”. Ricordiamo che il terzo pilota della Williams è Susie Wolff. Non è detto, però, che la scelta di Grove ricadrebbe proprio su di lei come sostituta dell’acciaccato Bottas.