F1 2015, Alonso-McLaren: secondo la BBC è fatta per un biennale

Formula 1: Berger lascia la commissione FIA! E' il segnale che sta per arrivare in McLaren-Honda e dare vita al progetto con Fernando Alonso

da , il

    F1 2015, Alonso-McLaren: è Berger il nome giusto che chiude l'affare!

    Fernando Alonso è ad un passo dal ritorno alla McLaren. Secondo la Bbc, il pilota spagnolo lascerà alla fine della stagione, con due anni di anticipo rispetto alla fine del contratto, la Ferrari per unirsi alla scuderia britannica, con cui ha già lavorato nel 2007. Anche se la trattativa, pur in stato avanzato, non è ancora conclusa: Alonso vuole un contratto per una sola stagione, ma l’accordo finale dovrebbe prevedere un accordo biennale, fino al 2016, con un’opzione per un eventuale terzo anno. La McLaren dovrà ora scegliere quale pilota, tra Jenson Button e Kevin Magnussen, confermare per il prossimo anno. In pole ci sarebbe il danese, nonostante i buoni risultati ottenuti dal britannico.

    Berger in aiuto?

    Il cerchio attorno al destino di Fernando Alonso che per la stagione 2015 di Formula 1 sembra ormai indirizzato verso la McLaren motorizzata Honda, si stringe. Lo spagnolo dichiara:“Il prossimo anno non guiderò una macchina motorizzata Mercedes”. Cos’altro resta nel panorama? La McLaren, ovviamente. O la Ferrari. Se non fosse che Montezemolo ha già rivelato che l’addio con l’asso di Oviedo si è consumato nelle scorse settimane, potremmo pensare ancora ad una sua clamorosa permanenza magari grazie ad una nuova norma che consente ai top team di schierare tre vetture. L’uomo che avrebbe convinto Alonso a tornare in quel di Woking, invece, nonostante i noti dissidi con Ron Dennis, si chiama Gerhard Berger. L’austriaco, infatti, potrebbe ricevere dalla Honda l’incarico di capo dell’intera scuderia.

    Si era pensato ad un arrivo di Alonso in Mercedes al posto di Hamilton, il quale avrebbe fatto ritorno a casa McLaren. Niente di vero: a Stoccarda si coccolano il pilota inglese neanche avesse lo stesso passaporto tedesco di Nico Rosberg. Si era detto che Alonso, allora, avrebbe potuto farsi un anno in Lotus o Williams sperando di sfruttare la bontà del motore Mercedes per poi valutare altre strade. Niente di vero anche qui:“Non guiderò una monoposto motorizzata Mercedes”, ha ribadito il mastino di Oviedo che, intervistato dalla NBC, ha aggiunto:“Tra me e la Ferrari non si è ancora chiuso nulla. Il mio contratto non è ancora finito. In giro ci sono tanti rumours…”

    Berger l’uomo chiave per l’accordo Alonso-McLaren

    Se Montezemolo non avesse dichiarato che Alonso è già fuori dai piani della Ferrari, allora potremmo credere che la partita non sia chiusa del tutto. In verità, lo spagnolo è già partito. Sul serio. La sua unica possibilità di correre in F1 nel 2015, a questo punto, è scommettere sulla McLaren-Honda. Il personaggio che terrebbe Dennis lontano dalla pista e darebbe garanzie di serietà all’intero progetto si chiama Gerhard Berger. L’austriaco, già team principal della Toro Rosso ai tempi di Vettel, nonché responsabile ad inizio anni 2000 del ritorno di BMW nel Circus, ha recentemente lasciato la presidenza della Commissione Monoposto della FIA. Solo un caso?

    La McLaren si affida all’allievo di Newey

    E’ tempo di rifondare anche in casa McLaren. Eric Boullier pare sia uno dei pochi sulla via della riconferma. Tanti tecnici, invece, si troveranno con responsabilità ridimensionate. Il nome chiave attorno al quale gireranno le maggiori responsabilità dei successi o meno della squadra di Woking è Peter Prodromou. Il braccio destro di Adrian Newey che ha lasciato la Red Bull sostanzialmente quando anche il genio ha fatto un passo indietro, ha un obiettivo chiaro: farsi un 2015 di apprendistato per sfornare una vettura vincente nel 2016. Il primo frutto del suo lavoro sarà una nuova ala di cui si dice un gran bene e che debutterà nell’ultimo GP di Abu Dhabi del 2014. Per il resto, l’ingegnere anglo-cipriota, profondo conoscitore di tutti i segreti della stravincente Red Bull, cercherà di replicare la stessa filosofia progettuale imparata a Milton Keynes.