F1 2015: Alonso torna ad allenarsi: “Obiettivo GP di Malesia”

F12015: il grande assente del GP d'Australia è Fernando Alonso. Il pilota della McLaren si sta allenando per farsi trovare pronto in Malesia dopo l'incidente durante i test di Barcellona

da , il

    Fernando Alonso lancia un Tweet che mette serenità ai suoi tifosi nel quale annuncia che sta lavorando sodo per farsi trovare pronto ai nastri di partenza del Gran Premio di Malesia, secondo appuntamento della stagione 2015 di Formula 1. Il tutto mentre Ron Dennis pasticcia nell’ammettere di non avere detto la verità sulle reali condizioni del pilota spagnolo e continuano a diffondersi altri rumours sulla sua impossibilità di tornare, a breve, a guidare una monoposto di Formula 1. Il tutto, inoltre, mentre i suoi colleghi – mai così invidiati – stanno disputando le prove libere del Gran Premio d’Australia! Per seguire il LIVE delle qualifiche in diretta da Melbourne, BASTA CLICCARE QUI!

    Alonso lavora per essere in Malesia

    Fotogallery: caschi dei piloti 2015

    Come testimonia l’immagine postata da Fernando Alonso su Twitter, i muscoli sono sempre lì. La grinta pure. Il commento alla foto è questo:”Continuo a lavorare duramente. Sono tornato alla normale routine. E presto si torna anche in ufficio…”. L’hashtag #CountdownMalaysia, infine, non lascia scampo ad equivoci. L’unica gara che lo spagnolo salterà sarà il GP d’Australia.

    La versione di Alonso non convince ancora a pieno alcuni beninformati. Ron Dennis, in effetti, ha dichiarato sibillino:“Lui mi ha detto che vuole essere in pista a Sepang. Spero che ci riesca…” Ancor più abbottonato si è mostrato il sostituto Kevin Magnussen:“Non ho sentito Alonso. Ci siamo solo scambiati un tweet in cui mi ha fatto un ‘in bocca al lupo’ per cui non dovete chiedere a me cosa farà in Malesia”.

    McLaren: Ron Dennis ammette le sue colpe

    Sempre Ron Dennis ha provato a giustificarsi per l’incredibile serie di errori commessi in merito alla gestione del post-incidente di Fernando Alonso durante i test di Barcellona. Sebbene le cause e la vera dinamica non siano ancora venute fuori, il boss della McLaren ha delle serie responsabilità per non aver spiegato bene in che condizioni versasse il pilota di Oviedo:“La stampa mi accusa di non essere stato chiaro sulla vicenda e capisco cosa vuole dire ma non sono un esperto di commozioni cerebrali e conseguenze - ha ribadito ai giornalisti presenti nella conferenza stampa di Melbourne – Ammetto di aver sbagliato e cercherò di essere più onesto in futuro”. Quanto all’indagare sulle cause dell’inspiegabile uscita di pista della McLaren MP4-30, il numero uno di Woking non convince:“E’ tutto da vedere se si troverà una spiegazione plausibile a ciò che è successo”. Ricordiamo che sull’accaduto è stata aperta anche una indagine da parte della FIA.