F1 2015, Alonso: “Visto? Ferrari è sempre a 40 secondi dalla Mercedes”

Lo spagnolo ha uno scatto d'orgoglio e dimostra di non aver perso nulla nel lasciare Maranello per scommettere sulla McLaren-Honda

da , il

    F1 2015, Alonso: “Visto? Ferrari è sempre a 40 secondi dalla Mercedes”

    Fernando Alonso era stato chiaro sin dall’inizio. Arrivare secondo o arrivare ultimo è la stessa cosa in Formula 1. Per cui, dopo aver collezionato tante piazze d’onore con la Ferrari, ha deciso di scommettere su un altra scuderia tra le più blasonate che risponde al nome di McLaren. Solo la storia dirà se ha avuto ragione o meno. L’inizio di stagione 2015 ha fatto scattare tra gli appassionati delle facili ironie. Ma, a ben vedere, lo spagnolo non ha ancora perso la propria sfida. Lo scorso anno io ero ad un minuto di distacco dalle Mercedes mentre oggi Vettel e Raikkonen sono a 43”. Alla fine non è cambiato molto ed è per questo che ho deciso di andare via – ha dichiarato l’asso di Oviedo in un’intervista a Sky Sports UK – Nella mia esperienza in Ferrari ho sentito tante parole ma in cinque anni abbiamo avuto sempre gli stessi problemi. Non volevo che la storia si ripetesse per altri due”.

    Alonso:”Per battere la Mercedes devi rischiare”

    “Per battere la Mercedes devi rischiare e sono ancora convinto che il progetto Honda abbia solo bisogno di tempo. Noi sappiamo di essere sulla giusta strada ma serve anche avere pazienza”, ha aggiunto Fernando Alonso lasciando intendere che le figuracce di oggi sono le basi per i successi di domani. Se i nipponici si fossero presentati con un progetto più conservativo, probabilmente non avrebbero mai avuto la possibilità di raggiungere e superare la Mercedes ma solo di restarle in scia.

    Honda:”Aggiornamenti gara dopo gara”

    Sono in tanti quelli che hanno l’obiettivo di raggiungere la Mercedes entro fine stagione. Tra questi annoveriamo la Honda dopo le ultime dichiarazioni del boss Yasuhisa Arai ad Autosport:“Vogliamo tornare a dominare. Per fine stagione pensiamo di riprendere Ferrari e Williams e forse anche la Mercedes. Poi vedrete il prossimo anno…”. Il giapponese ha anche aggiunto:“Stiamo facendo grossi miglioramenti e stiamo seguendo un piano di lavoro che ci consente di portare aggiornamenti gara dopo gara. Purtroppo nel Gran Premio di Spagna non abbiamo avuto quello che ci aspettavamo in quanto si credeva di poter raggiungere la zona punti ma questi arriveranno entro metà stagione.

    Ecclestone: “Sapevo che la Honda avrebbe fallito”

    “Avevo avvisato la Honda ma non mi hanno dato retta – ha ammesso Bernie Ecclestone su motorsport.com – l’attuale situazione dei motori è un grosso problema”. Secondo il patron del Circus, l’attuale scenario potrebbe respingere indietro anche le velleità di un prestigioso marchio come Audi. “Sarebbe fantastico se arrivasse un altro grande costruttori ma con le regole che ci sono ora è molto difficile perché ci vogliono almeno 2 o 3 anni per raggiungere chi sta già lavorando su queste power unit da molto tempo”, ha ricordato Mr. E.