F1 2015, Ferrari: in Spagna SF15-T evoluta! Gracia: “Alonso sapeva i progressi della Rossa”

Formula 1 2015: Arrivabene anticipa novità tecniche per la Ferrari nel GP di Spagna ma tiene basse le aspettative. L'evoluzione della power unit arriverà solo in Canada

da , il

    La stagione di Formula 1 2015 non rompe la tradizione che vede il Gran Premio di Spagna come una delle gare in cui le scuderie portano più novità tecniche sulle loro monoposto. L’antipasto del campionato, rappresentato dalle prime quattro gare extraeuropee, è già andato in archivio ed ha consentito a tutti di farsi un’idea più precisa su pregi e difetti delle proprie vetture. Sull’esigente circuito di Barcellona, si vedrà chi ha fatto meglio i compiti a casa sfruttando anche le tre settimane di pausa dall’ultimo GP del Bahrain. Maurizio Arrivabene prova a non fare proclami ma anticipa importanti novità sulla Ferrari SF15-T.

    Ferrari: pochi proclami ma aspettative alte lo stesso

    L’obiettivo della Ferrari è continuare ad impaurire le Mercedes e farsi trovare pronta per approfittare di una qualunque loro incertezza. E’ andate bene in Malesia. Poteva andare alla grande pure in Bahrain se il problema accusato da Hamilton al brake-by-wire si fosse presentato qualche giro prima. Detto ciò, Arrivabene archivia con soddisfazione l’incoraggiante inizio di stagione e guarda avanti:“Tutti porteranno molte novità a Barcellona e anche noi non saremo da meno. Non mi piace fare proclami, perché non voglio caricare l’ambiente di troppe aspettative ma penso che il lavoro svolto ci darà un pacchetto che risponderà alle nostre esigenze”, si legge su Autosport. Il capo della Gestione Sportiva è molto cauto anche perché, probabilmente, ben ricorda le costanti delusioni di alonsiana memoria su nuove componenti dalle proprietà miracolose che, dopo essere state provate dai piloti nelle libere del venerdì, venivano scartate senza pietà. Detto ciò, per chi si aspetta aggiornamenti anche sul fronte della power unit, invece, l’appuntamento è un po’ più in la, vale a dire per giugno nel GP del Canada.

    Alonso sapeva che la Ferrari sarebbe stata forte

    Abbiamo evocato il nome di Fernando Alonso per farci tornare alla mente quante stagioni buie abbia recentemente affrontato la scuderia italiana assieme al pilota spagnolo. La vana attesa di pezzi che facessero fare un salto di qualità alle Rosse è stata una costante dell’ultimo quinquennio. O giù di lì. Con questa rassegnazione nel cuore, l’asso delle Asturie ha deciso di lasciare Maranello per buttarsi nell’avventura griffata McLaren-Honda. Si pensava. In occasione della presentazione del GP di Spagna, invece, il presidente della Federazione Automobilista Iberica, Carlos Gracia, ha raccontato qualcosa di diverso ai connazionali di Marca:“Molti pensano che Alonso abbia sbagliato ad andare in McLaren, perché credeva che la Ferrari non potesse dargli una macchina competitiva. In verità, lui sapeva perfettamente che avrebbero fatto una buona macchina per quest’anno ma ormai aveva deciso. Ci sono stati varie ragioni che hanno portato alla fine del matrimonio compreso quello tutto suo di dare nuovi stimoli ai propri tifosi. Personalmente – ha concluso Gracia – credo che con questa vettura avrebbe potuto vincere più di Vettel visto che la SF15-T, vedendo anche le prestazioni attuali di Raikkonen, è una macchina di un altro mondo rispetto a quella del 2014″. Se questo retroscena fosse vero al 100%, riprenderebbero quota anche le indiscrezioni che raccontano di un Alonso “cacciato” dalla Ferrari a causa della spinta riformatrice di Marchionne e, quindi, costretto ad accasarsi altrove, piuttosto che il contrario…

    @pierimanuel