F1 2015, Hamilton: “Alonso forte come Schumi ma tanto sfortunato”

Formula 1 2015: Lewis Hamilton spede belle parole per l'ex rivale Fernando Alonso ed avvisa la Mercedes sul fatto che non alzerà più il piede in gara per risparmiare la vettura

da , il

    Lewis Hamilton può dirsi comunque tranquillo. Nico Rosberg ha dimostrato di poterlo impensierire ma il cammino verso la conquista del titolo mondiale di Formula 1 2015 è ancora in discesa per il pilota inglese che riesce persino a guardarsi attorno. In tal senso, Lewis spende belle parole per l’ex rivale Fernando Alonso:“E’ dalla prima gara in Australia che mi chiedo come sia possibile che la McLaren sia così indietro con la struttura e la storia che può vantare. Secondo me Alonso vale tanto quanto Schumacher ma ha vinto solo due titoli in carriera che sono troppo pochi. E’ stato sfortunato poiché raramente si è trovato al posto giusto nel momento giusto. Col senno di poi si potrebbe anche dire che avrebbe fatto meglio a restare alla Ferrari… ma sono sempre state scelte che ha fatto da solo”, si legge su Autosport.

    Hamilton: “Non voglio più alzare il piede”

    Lewis Hamilton ricostruisce anche quanto accadutogli nella parte finale del GP di Spagna 2015, vale a dire quando il suo ingegnere di pista lo ha invitato a “mollare”, alzare il piede senza provare ad andare a riprendere Nico Rosberg poiché oggettivamente impossibile rimontare 20 secondi in 15 giri. “Non è bello per un pilota sentire certe cose in radio - ha ammesso il campione del mondo in carica – siamo qui per correre e vincere, non per arrivare secondi quindi ho ignorato quello che mi è stato detto ed ho spinto al massimo ma quando sono arrivato a 13 secondi con soli 7 giri al termine della gara, allora ho lasciato perdere. Comunque – ha precisato – parlerò con il team perché non voglio più sentirmi dire certe cose. Non penso che ci sarebbero stati problemi di affidabilità se avessi continuato a spingere ma capisco che la squadra non voglia rischiare nulla”.

    McLaren-Honda: novità in Canada

    Tornando al destino di Fernando Alonso, prendiamo atto che la McLaren-Honda ha in programma un importante step evolutivo sulla propria vettura da far esordire in Canada. In particolare, oltre ad interventi di natura aerodinamica su ali e fondo vettura che si spera diano risultati migliori di quelli portati a Barcellona, la Honda farà esordire una versione evoluta della propria power unit analogamente a quanto previsto dalla Ferrari.