F1 2015: introiti per i risultati ottenuti, in testa sempre la Ferrari

Alla Ferrari la fetta più grande

da , il

    Il 2014 della Ferrari è stato disastroso a livello sportivo ma non si può dire altrattanto sotto il piano economico. La scuderia di Maranello è infatti il team che ha ricevuto più compensi per il campionato passato seppur sia arrivata solamente quarta nel Mondiale Costruttori dietro a Mercedes, Red Bull e Williams. Il motivo è facilmente riconducibile ai bonus, probabilmente esagerati, che i top-team si sono garantiti grazie al nuovo patto di intenti siglato con Ecclestone nel 2012. Delle dieci scuderie soltanto cinque, con porzioni differenti, si sono spartiti questo socculento bonus. La Ferrari, come dicevamo in precedenza, è la scuderia con maggior benefit grazie ad un 5% esclusivo derivante dall’essere l’unico team ad aver sempre preso parte al Mondiale.

    I vantaggi del patto

    Nel complesso le dieci scuderie si spartiranno circa 884 milioni di dollari, vale a dire il 65% degli 1,32 miliardi di entrate generate dalla FOM. Questo 65% però non è ben distribuito in quanto il 50% va a tutti i team mentre il restante 15% (ben 249 milioni di dollari) viene diviso tra i cinque top-team del campionato ossia Mercedes, McLaren, Ferrari, Williams e Red Bull. La Ferrari fa la voce grossa in questo tavolo è si porta a casa un assegno da 97 milioni per aver partecipato a tutte le edizioni della F1 seguita dalla Red Bull e i suoi 74 milioni di bonus. Mercedes e McLaren hanno riceuto un bonus di 34 milioni di dollari mentre la Williams si è dovuta accontentare di appena 10 milioni in più. Ovviamente questi numeri fanno storcere il naso a molti fans e addetti ai lavori, sopratutto dei team minori. Se da un lato la distribuzione per i risultati sportivi è molto equa e giusta non si può dire altrimenti con bonus pazzeschi riservati ai top-team. Questi bonus sono il frutto di ‘premi fedeltà’ che le scuderie si sono assicurati impegnandosi con Bernie Ecclestone nel Patto della Concordia. Il numero 1 della F1, per non perdere i principali team del Circus, regala ogni anno vagonate di milioni di dollari extra a queste scuderie rendendo i team deboli sempre più deboli e quelli forti sempre più forti col risultato di vedere in pista gap pazzeschi tra i primi della classe e gli ultimi. Di seguito troverete i guadagni dei Team per la stagione 2014.

    Compensi per i piazzamenti

    1. Mercedes 92 milioni di dollari

    2. Red Bull 82 milioni di dollari

    3. Williams 73 milioni di dollari

    4. Ferrari 67 milioni di dollari

    5. McLaren 63 milioni di dollari

    6. Force India 60 milioni di dollari

    7. Toro Rosso 54 milioni di dollari

    8. Lotus 51 milioni di dollari

    9. Marussia 48 milioni di dollari

    10. Sauber 44 milioni di dollari

    Classifica Introiti complessivi:

    1. Ferrari 164 milioni di dollari

    2. Red Bull 156 milioni di dollari

    3. Mercedes 126 milioni di dollari

    4. McLaren 98 milioni di dollari

    5. Williams 83 milioni di dollari

    6. Force India 60 milioni di dollari

    7. Toro Rosso 54 milioni di dollari

    8. Lotus 51 milioni di dollari

    9. Marussia 48 milioni di dollari

    10. Sauber 44 milioni di dollari