F1 2015, la Fia mette un freno ai musetti orribili

Le Formula 1 2015 cambieranno look e diventeranno più aggraziate, merito dei musetti con nuove misure vincolate

da , il

    Assegnare l’Oscar per il musetto più brutto dell’anno è cosa relativamente semplice. Nessuno ha raggiunto i livelli della Caterham, presentatasi con un’improbabile (e orrenda) chiglia da barcone sul cockpit e una proboscide lunga come un manico di scopa. La Lotus ha vinto la palma del brutto ma originale, con le due zanne a lunghezza differenziata, poi tante interpretazioni varie, comprese le quasi gemelle Ferrari e Mercedes, unico punto in cui il Cavallino nel 2014 ha rivaleggiato con il team di Stoccarda.

    Dal prossimo anno la Fia metterà un freno e torneremo ai “soliti” musetti bassi tradizionali visti negli anni Novanta. Come? Imponendo misure che vieteranno ogni rastremazione sulla punta estrema del musetto.

    | TUTTI GLI EVENTI E LE MANIFESTAZIONI DI AVVICINAMENTO AL GP DI MONZA |

    Nello specifico, la sezione del muso resterà invariata rispetto al regolamento tecnico attuale, mentre cambierà l’altezza da terra della punta, ridotta a un valore compreso tra i 135 e 220 millimetri dal piano di riferimento. La larghezza dovrà essere di 14 centimetri ma, cosa più importante di tutte, è stabilito che 15 centimetri dietro all’estremità anteriore del musetto, debba trovarsi una sezione larga al massimo 33 centimetri, a sua volta collegata al telaio.

    Fonte foto | F1Fanatic

    A vietare la forchetta Lotus, inoltre, c’è l’obbligo di simmetria tra i due lati del musetto, mentre un altro aspetto rilevante interesserà l’inizio del muso, collocato a metà dell’ala anteriore. In Mercedes, quest’anno, si è disegnato un elemento con dei supporti dell’ala particolarmente estremizzati, ancorati nella parte finale del profilo principale, di fatto contravvenendo a quella che sarà la normativa 2015.

    Fabiano Polimeni