F1 2015, Massa su Alonso: “Dio sa ciò che fa”, e lo incolpa per problemi in Ferrari

Formula 1: Massa rilascia un'intervista bomba nella quale critica Fernando Alonso e lo incolpa per i problemi avuti con la Ferrari.

da , il

    Felipe Massa sta vivendo una seconda giovinezza alla Williams. Convinto e contento di essere nel posto giusto al momento giusto, intervistato da Le Repubblica, traccia un bilancio della sua carriera dal quale risalta l’importanza – in negativo s’intende – dell’arrivo di Fernando Alonso in Ferrari. E’ lui che ha rotto il fantastico rapporto che c’era con la scuderia di Maranello. E’ lui che l’ha portato ad affrontare una crisi che solo cambiando casacca è riuscito a superare. E se inizialmente sembrava che i rapporti i due fossero da grandi amici, ora si scopre che sotto le dichiarazioni di facciata c’era un rapporto di profonda tensione, per non dire peggio… Segui con noi live in diretta la gara del GP Singapore F1 2015 CLICCANDO QUI!

    Massa: “In Williams è una nuova vita”

    “E’ proprio una nuova vita. Anzi, un nuovo inizio – ha commentato Felipe Massa il passaggio dalla Ferrari alla Williams – ho fatto la cosa giusta al momento giusto. La mia storia con la Ferrari era stata molto bella, intensa, sincera, come gli applausi di Monza dimostrano. Ma era arrivato il momento di sentirmi di nuovo importante”. Il pilota brasiliano accusa l’arrivo di Fernando Alonso e indica quel momento come la causa di tutti i suoi problemi di competitività:Quando è arrivato Alonso le cose sono cambiate. Mi guardavo intorno e vedevo che improvvisamente non avevo più potere sulle cose, sui dettagli. Il nostro sport è fatto di dettagli. E quelli li puoi cambiare solo se hai potere. Anche solo guardando lo sguardo della gente si capiva tutto. E non mi sentivo più felice”.

    Massa su Alonso: “Dio sa quel che fa…”

    Ancor più drastico e rancoroso è il commento di Felipe Massa sull’attuale situazione di crisi che riguarda Fernando Alonso e la McLaren:“Sono sicuro che non è contento. Pensando a tutto quello che è riuscito a fare in carriera, vederlo così fa effetto. Ma Dio sa sempre ciò che fa. Se fa qualcosa di bello o di brutto per te, bè c’è sempre un motivo“. Tornando al passato ed alla loro coabitazione in Rosso, il pilota di San Paolo rivale che uno dei momenti peggiori del rapporto tra i due risale agli ordini di scuderia di Hockenheim 2010:“A Maranello mi vedevano sempre come il fratellino minore di qualcuno. Secondo me hanno sbagliato a puntare tutto su un solo pilota. Tante volte ho pensato che avrei dovuto essere più duro ed egoista. Ho subito ingiustizie e visto porcherie di ogni tipo, sono stato costretto a lasciarmi superare dal mio compagno di squadra, ed è stato il momento peggiore della mia vita, ma ho anche vinto tanto e gioito e soprattutto mi sono divertito”.

    Quella di Massa è una storia a lieto fine

    Felipe Massa non è più in Formula 1 per diventare campione del mondo. C’è per divertirsi e questo obiettivo lo sta centrando in pieno. Tant’è che in molti hanno smesso di criticarlo per trattarlo come veramente merita:“Se dovessi andare a dire “stronzo” a tutti quelli a cui ho fatto cambiare idea, non avrei più tempo per guidare!”. Invece, oltre a guidare, Felipe sa bene come spendere il suo tempo. Lo passerà con suo figlio Felipinho. Inutle, però, chiedergli se lo vede già un campione del futuro:“Il papà di un pilota rischia di essere come la mamma di una miss. Normalmente è la mamma che avrebbe voluto essere una miss e spinge la figlia verso un mondo che spesso la poverina nemmeno vuole. E finiscono per essere patetiche sia la mamma che la figlia. Patetiche e infelici. Io ho visto molti casi bruttissimi anche in F1. No, no. Deciderà Felipinho se fare il pilota. Io di certo farò il papà. Ma prima corro ancora per qualche anno”, ha concluso.