F1 2015, McLaren-Alonso: tarda l’annuncio per colpa di Briatore?

Formula 1: è agli sgoccioli la trattativa tra Alonso e la McLaren-Honda

da , il

    briatore alonso trattativa mclaren f1 2015

    E’ questione di ore. La McLaren sta per annunciare la propria coppia piloti per la stagione 2015 di Formula 1 ma qualcosa ancora fa rallentare un lavoro cominciato nell’ombra già dalla scorsa primavera. Da quando la Honda ha preso in mano le operazioni, ci sono sempre stati due binari paralleli sui quali è andata avanti la trattativa. Possibile che ancora non si siano incontrati? I giapponesi hanno provato a tentare Fernando Alonso, Lewis Hamilton e Sebastian Vettel. I tre più forti. Il tedesco puntava da anni alla Ferrari. L’inglese, nonostante un pre-accordo con Dennis ha annusato in fretta che era la Mercedes il cavallo giusto. Lo spagnolo ha accettato. Ma alle sue condizioni. Tra queste pare ci sia la richiesta di avere nel suo staff anche il manager Flavio Briatore. Riuscite ad immaginare una convivenza al box tra l’ingombrante figura del geometra di Cuneo e Ron Dennis? Ecco spiegato, forse, come mai – oltre alla difficile scelta su chi confermare tra Button e Magnussen – ci sia ancora qualcosa da sistemare nell’accordo Alonso-McLaren

    Alonso vuole Briatore e 24H di Le Mans

    Non solo la strana idea di avere in casa un personaggio scomodo come Briatore fa storcere il naso alla McLaren. Ma si sa che l’asturiano ama circondarsi di persone di propria fiducia per rendere al meglio. C’è anche l’ostinazione di Alonso nel correre la prossima 24 Ore di Le Mans con la Porsche. Per la Honda non ci sarebbero grossi problemi. Discorso diverso per la McLaren che costruisce supercars in diretta concorrenza anche con la casa tedesca. Sono questi alcuni dei passaggi che hanno fatto dichiarare ad uno sprezzante asso di Oviedo:“Ho dimostrato tanto in carriera e ora sono nella posizione di fare le scelte che voglio”. Evidentemente, passando dalle parole ai fatti, qualcosa non è poi così scontato. Così come non è scontato che sia Andrea Stella il suo ingegnere di pista. Secondo altri rumours, a Woking stanno spingendo per affiancare Alonso a Paul Moneghan con il quale aveva già lavorato con soddisfazione ai tempi della Renault.

    Button o Magnussen, tanta indecisione in McLaren

    “Comunque vada so che avrò un grande anno davanti a me – ha dichiarato Button alla Press Association facendo riferimento ad un suo possibile passaggio al mondiale Endurance – Per me è solo importante che arrivi presto una conclusione della vicenda, perché dopo tanti anni di carriera non penso di aver ancora qualcosa da dimostrare”. Il fatto che l’incontro di ieri tra i vertici del team, atteso come risolutore, abbia partorito un nuovo punto interrogativo fa credere che in ballo non ci sia solo l’indecisione su quale pilota affiancare ad Alonso. Quello della seconda guida è un fronte importante che, per colpa dell’indecisione della McLaren, rischia di trasformare in grottesca la vicenda. Recentemente Dennis aveva fatto capire che Magnussen era favorito grazie anche ad un fantomatico accordo di sponsorizzazione con i connazionali produttori dei famosi mattoncini Lego. Nulla di vero, ad esclusione del fatto che l’azienda danese ha prodotto una confezione speciale con box, meccanici e monoposto McLaren di F1 dedicandola al giovane Kevin.