F1 2015, McLaren e Honda ai ferri corti: “Loro non hanno fretta, noi sì”

F1 2015, McLaren e Honda ai ferri corti: “Loro non hanno fretta, noi sì”
da in Formula 1 2017, Honda F1, McLaren F1, News F1
Ultimo aggiornamento: Martedì 11/08/2015 11:56

    F1 2015, McLaren e Honda ai ferri corti:"Loro non hanno fretta, noi sì"

    Premessa doverosa: il matrimonio tra McLaren e Honda è solidissimo nonostante l’evolversi dell’imbarazzante stagione 2015 di Formula 1 faccia credere il contrario. La scuderia di Ron Dennis sa benissimo che per essere competitiva ai massimi livelli e aprire un ciclo vincente ha bisogno di avere un colosso dell’auto alle spalle. I giapponesi, dal canto loro, hanno fatto grandi investimenti e credono che sia a Woking il loro unico partner possibile tant’è che non hanno in programma, per il momento, nessun’altra collaborazione neppure con team minori. In questo scenario, si possono ben inquadrare – senza cadere in equivoci – le piccate dichiarazioni di Eric Boullier:“Noi abbiamo una gran fretta di tornare a vincere mentre loro no”, ha affermato ad Autosport.

    “Noi lavoriamo per vincere da domani mentre loro dicono ‘un giorno’. Capisco che la Honda ha iniziato un programma in Formula 1 a lungo termine e partendo da zero ma noi abbiamo pressioni addosso per tornare davanti mentre loro non hanno tutta questa fretta”, ha spiegato Eric Boullier. Il team principal della McLaren ha aggiunto:Hanno iniziato il progetto con tecnici che non conoscevano la Formula 1 e, per entrare in certi meccanismi, ci vuole del tempo. Non è facile ottenere certe conoscenze se si parte dal nulla”. Il responsabile della scuderia ha ribadito che la collaborazione con Honda viene vista strategicamente imprescindibile nonostante questa forte differenza di vedute:“Puntiamo molto su questa partnership ma noi abbiamo una tabella di marcia da rispettare e Honda deve assecondare le nostre esigenze. Siamo la McLaren e non possiamo stare a lungo senza vittorie. Ci aspettiamo più collaborazione da questo punto di vista”, ha concluso.

    E’ uscita nei giorni scorsi l’indiscrezione che dava Stoffel Vandoorne, attualmente leader del campionato GP2, come nuovo compagno di Fernando Alonso per la stagione 2016 di Formula 1 al posto di Jenson Button. Da Woking è arrivata in fretta la smentita. Il belga che fa parte del programma giovani della McLaren, non ha ancora firmato alcun accordo per una promozione nella categoria regina.

    La rapina subita da Jenson Button sta lasciando qualche strascico non solo sul morale del pilota ma anche sul fisico. Temendo di essere stato anestetizzato dai ladri per poter agire indisturbati all’interno della proprietà, il campione del mondo 2009 si è sottoposto ad esami del sangue per capire quali sostanze siano ancora in circolo nel suo corpo. Intanto, per riprendersi, ha ricominciato ad allenarsi durante ed ha garantito la sua presenza in Belgio al top della forma. In base alle indagini portate avanti dalla Gendarmeria francese, non è del tutto certo cosa sia accaduto quella notte. Non è chiaro se i coniugi Button sono stati effettivamente sedati o se i ladri hanno agito semplicemente con la massima destrezza ed il senso di malessere accusato dal pilota sia di altra origine.

    638

    PIÙ POPOLARI