F1 2015: nuova Red Bull non supera i crash test, Jerez a rischio?

Formula 1: la Red Bull 2015 non supera i crash test e vede a rischio la partecipazione ai test di Jerez. Già trovato il colpevole! Non è Newey...

da , il

    La prima notizia “clamorosa” della stagione 2015 di Formula 1 potrebbe concretizzarsi nel giro di poche ore. E’ concreto il rischio che la Red Bull RB11 non si presenti in tempo ai test di Jerez previsti a partire dalla prossima domenica 1 febbraio. Christian Horner aveva ammesso dei ritardi nell’assemblaggio della nuova monoposto confidando che a Milton Keynes era in atto una vera corsa contro il tempo. Tuttavia i problemi sono altri e ancor più difficili da risolvere. La vettura, infatti, non ha ancora superato i crash test e rischia di non poter essere omologata dalla FIA. Per seguire il LIVE della SECONDA giornata di Test a Jerez, BASTA CLICCARE QUI!

    Assemblamento più veloce della storia

    “La vettura è ancora in costruzione ed in fabbrica stanno facendo quello che credo sia l’assemblamento più veloce della storia pur di riuscire ad essere in pista domenica prossima”, aveva ammesso Horner alcuni giorni fa ad Autosport. Il team principal si era detto comunque sereno:”“Sono confortato dal fatto che il primo feedback non potrà mai essere negativo come quello del 2014 quando abbiamo completato solo 4 giri in 4 giorni”.

    Crash test non superato

    Forse il capo di Milton Keynes non aveva fatto i conti con l’ultimo intoppo: il crash test non ancora superato nella zona anteriore. Pare che la Red Bull RB11 abbia un muso molto corto con un piccolo bulbo che non è sufficiente per passare il test di impatto frontale. La soluzione estrema, in pieno stile Adrian Newey, richiederà semplicemente la sistemazione di un’altra pelle di carbonio. Ma gli austriaci faranno in tempo? Oggi è il giorno decisivo per ritentare l’esame e impacchettare tutto il materiale, vettura compresa, che servirà a Jerez de la Frontera.

    Se dall’omologazione FIA dovessero arrivare altre cattive notizie, il nome del colpevole c’è già. E’ quel Rob Marshall finito nel mirino già a fine 2014 quando le Red Bull furono escluse dalle qualifiche per eccessiva flessibilità dell’ala anteriore. Pare che Newey e Horner stiano già pensando a come fargliela pagare.

    Ricciardo:”I piloti vogliono andare sempre più forte”

    Daniel Ricciardo si è già candidato a principale antagonista della coppia Mercedes. Nel 2014, in effetti, è stato lui a vincere tre gare. Non gli altri. La Renault promette di essere cresciuta avendo imparato dai propri errori e la Red Bull, al di là di inizi incerti, è sempre lì. Intervistato da Autosport, dice la sua sulla Formula 1 che vorrebbe:“Ogni pilota vorrebbe sempre andare almeno a 50 Km/h di velocità in più nella sua categoria. Sarebbe bello avere più potenza, così emergerebbero ancora di più le qualità dei singoli. Mi piacerebbe anche tornare alle velocità in curva che c’erano prima che io arrivassi in Formula 1, così da capire chi ha il coraggio di fare certe curve in pieno”.

    Fotogallery: la nuova Mercedes F1 2015