F1 2015, presentata la nuova Sauber C34 [FOTO]

La nuova Sauber C34 F1 2015 svela una livrea inedita, aggiorna l'aerodinamica e propone un musetto in parte ispirato alla McLaren Honda. Tutti i dettagli.

da , il

    Anticipa di poche ore la vera protagonista di venerdì 30 gennaio, Sauber C34 F1 2015. La nuova monoposto del team elvetico sceglie una data concomitante con la Ferrari SF15-T, e sfoggia un’inedita colorazione blu con tocchi gialli sulle pance. Questioni di sponsorizzazione e del ruolo importante che avrà Felipe Nasr e la banca che lo supporta. E’ senz’altro la prima novità che salta all’occhio, mentre sul piano tecnico vanno fatti i conti con un team che non gode certo di ottima salute sotto il profilo finanziario. Si è ottimizzato il progetto 2014, adeguandolo ai regolamenti 2015.

    Musetto lungo, mantiene il dito

    Osservando attentamente la Sauber C34, si nota un anteriore con il musetto che richiama molto da vicino le scelte fatte dalla McLaren Honda. Probabilmente non per la protuberanza oltre i supporti dell’ala, ma per il posizionamento di questi ultimi, che lasciano un canale per far confluire maggior aria possibile verso il fondo. Sebbene non siamo di fronte al becco appuntito della macchina dello scorso anno, si conferma la presenza di un dito accentuato, mentre il musetto si raccorda al telaio con un andamento a prima vista leggermente ondulato.

    Seconda innovazione, quella delle orecchie ai lati della presa d’aria sopra la testa del pilota. Per una Mercedes W06 che ha abbandonato la soluzione, un team che la riprende: due aperture extra chiamate a raffreddare organi ausiliari e il radiatore dell’olio. Quanto alle pance, non sorprendono, anzi. Piuttosto massicce, alte e poco rastremate, se non nella parte posteriore. Le prese d’aria ai lati del cockpit restano di dimensioni contenute, e poco sopra si notano due dettagli nuovi: i pontoni verticali senza collegamento a L con l’abitacolo e le due paratie verticali per ridurre le turbolenze dell’aria sulla parte alta delle pance.

    L’ala posteriore, invece, è ancorata da un doppio supporto, in stile Ferrari F14-T, rimpiazzando così il pilone unico del 2014.