F1 2015, regole: cambiano i punteggi per ottenere la superlicenza

Entrano anche DTM e WTCC, parificate GP2 e la nascente Formula 2

da , il

    Il Consiglio Mondiale della FIA, riunitosi a Città del Messico, ha ratificato alcuni cambiamenti ai punteggi assegnati alle categorie propedeutiche grazie ai quali sarà possibile ottenere la superlicenza per correre in Formula 1. Ricordiamo che, a partire dalla stagione 2016, per diventare pilota di Formula 1 si dovranno rispettare specifici requisiti.

    Superlicenza pilota di F1: ecco tutti i requisiti /span> Per diventare pilota di Formula 1 si dovranno rispettare specifici requisiti, quali: essere in possesso della normale patente di guida (quindi essere maggiorenni); superare un test con domande su Codice sportivo internazionale e Regolamento sportivo FIA. Inoltre, aver corso per due stagioni almeno l’80% delle gare presenti in uno dei seguenti campionati: Formula 2, GP2, F3 europeo o nazionale, WEC, IndyCar, GP3, WSR, Super Formula, F4, EuroCup, Alps, Nec, Renault 1.6, WTCC e DTM; aver guidato per almeno 300 chilometri su una vettura di F1 (storica o attuale) entro 180 giorni dalla presentazione della domanda; aver preso parte ad almeno 5 GP di F1 nell’anno precedente o 15 se spalmati negli ultimi 3 anni. Infine, il candidato deve aver accumulato almeno 40 punti sommando le apparizioni degli ultimi tre anni nelle categorie minori stando ad un punteggio calcolato seguendo la tabella sotto riportata.

    Superlicenza pilota di F1: Tabella punteggi FIA aggiornata

    10°
    Formula 24040403020108643
    GP2404030201086432
    F3 (europeo)40302010864321
    WEC40302010864321
    IndyCar40302010864321
    FR3.5 by Renault352520151075321
    GP33020151075321
    Super Formula2520151075321
    WTCC, DTM, Indy Light15121075321
    F4 (nazionale)121075321
    F3 (nazionale)107531
    EuroCup, Alps, Nec107531
    CIK-FIA World5321

    Cosa cambia rispetto a prima

    Rispetto alla prima edizione ci sono alcuni sostanziali cambiamenti. Innanzitutto la nascente Formula 2 è stata parificata ad altre categorie come GP2, FIA F3, FIA WEC e Indycar togliendole il super punteggio di 60 che spettava al vincitore. In secondo luogo, non sarà solo il primo classificato di questi campionati ad avere i 40 punti necessari per la Superlicenza ma, nel caso della GP2 e della Formula 2, anche chi gli arriverà dietro. Nella tabella ufficiale manca ancora la Formula E che, comunque, seguirà lo stesso destino delle categorie già citate. Quelle, invece, già ufficialmente aggiunte sono DTM e WTCC.