F1 2015: Vettel già in Ferrari 5 giorni dopo l’ultimo GP

Formula 1: la Red Bull fa sapere che Vettel potrà andare nel suo nuovo team (la Ferrari) già 5 giorni dopo l'ultimo GP del 23 novembre

da , il

    F1 2014, Red Bull: Vettel già in Ferrari 5 giorni dopo l'ultimo GP

    Sebastian Vettel deve attendere ancora prima di potersi ufficialmente definire un pilota Ferrari per la stagione 2015 di Formula 1. In attesa del comunicato di Maranello, registriamo un’insolita disponibilità da parte della Red Bull a liberare il pilota tedesco. Dietrich Mateschitz non fa il nome della Ferrari, ovviamente, ma spiega che Vettel è già stato escluso dal lavoro di sviluppo sulla monoposto e che sarà libero di andare a lavorare altrove già 5 giorni dopo il Gran Premio di Abu Dhabi che, lo ricordiamo, chiude la stagione 2014 il prossimo 23 Novembre.

    “Da alcune settimana avevamo l’impressione che Sebastian avesse qualcosa che gli frullava in testa – ha dichiarato Dieter Mateschitz al Salzburger Nachrichten – E’ arrivato per lui il momento di cambiare e per noi di puntare su altri piloti giovani. E’ stata una separazione consensuale e giusta per entrambe le parti”, ha spiegato il patron della Red Bull. In virtù di questi buoni rapporti, non sarà fatto alcun tipo di ostruzionismo nei confronti di Sebastian Vettel:“Sarà liberò 5 giorni dopo l’ultima gara di Abu Dhabi ma già da oggi è escluso da tutti i lavori sulla vettura del prossimo anno pur se riceverà lo stesso identico materiale di Ricciardo fino alla fine della stagione in corso”.

    Ferrari, Mattiacci è alle prese con molte beghe

    L’arrivo di Marco Mattiacci, poco più di 6 mesi fa, non ha ancora minimamente invertito la rotta. Anzi, se possibile, ha peggiorato la situazione lasciata da Stefano Domenicali. Ovviamente è prematuro giudicare il lavoro fatto dal nuovo team principal ma l’impressione è che i tifosi non siano in grado di accettare una Rossa non vincente ancora a lungo. A Sochi è andata in scena l’ennesima gara da depressione totale per i tifosi italiani. “Ancora una volta ci troviamo di fronte ad un risultato lontano da quelli che sono i nostri obiettivi – ha ammesso Mattiacci - ma dobbiamo fare i complimenti alla Mercedes, che dopo cinque anni di duro lavoro è meritatamente riuscita a conquistare il titolo Costruttori. La doppia trasferta Giappone – Russia è stata difficile per la nostra squadra, sia in pista che fuori, e in entrambe le gare abbiamo imparato molto per il futuro. Sono certo che le ultime tre gare ci offriranno l’opportunità di provare ad estrarre il massimo da squadra e vettura per terminare la stagione con risultati migliori“.