F1 2015, Vettel in Ferrari: “Convinto dal progetto di Mattiacci, sogno di emulare Schumacher”

Formula 1: Vettel fa sapere di aver creduto nelle parole e nel progetto della Ferrari per tornare a vincere e di avere il grande sogno di emulare la carriera di Schumacher con la Rossa

da , il

    F1 News, Vettel in Ferrari: "Convinto dal progetto di Mattiacci, sogno di emulare Schumacher"

    Sebastian Vettel già rilascia interviste da pilota Ferrari. Lo fa a microfoni spenti. Per il momento non ci può ancora essere nulla di ufficiale. Tuttavia il suo pensiero è chiarissimo. Ha parlato con Marco Mattiacci ed è stato convinto dal progetto di Maranello per tornare a vincere. Ci vorrà qualche anno. Ma, evidentemente, le rassicurazioni sono state tali da invogliarlo a buttarsi in un’avventura che è stata, invece, distruttiva per le velleità di un altro fenomeno del volante come Fernando Alonso. Il fatto che lo spagnolo abbia mollato dopo 5 anni di duro e vano lavoro non significa che la storia si ripeterà anche con il tedesco. Vettel, inoltre, ha uno stimolo in più e garanzie, a suo dire, sufficienti: il suo sogno di emulare il suo idolo Schumacher e la tranquillità di aver già intascato 4 titoli in abbinamento alla possibilità di portarsi tecnici di fiducia con sé. In Ferrari i grandi acquisti sono già cominciati. E chissà che, alla fine, non ci scappi pure la firma di quell’Adrian Newey corteggiato sempre invano…

    La lista della spesa della Ferrari è lunga. Ma gli obiettivi sono quasi tutti già centrati. Dalla Toro Rosso è arrivato l’ex ingegnere di pista di Sebastian Vettel, ancora stimatissimo dal pilota tedesco, Riccardo Adami. Sempre seguendo le indicazioni del pilota tedesco dovrebbe arrivare da Milton Keynes il capo meccanico Kenny Handkammer. Dalla Mercedes è molto vicino l’accordo con il motorista Wolf Zimmerman che potrebbe garantire un fantastico supporto a Mattia Binotto nel difficile lavoro di sfornare una power unit all’altezza di quella teutonica senza poter modificare più del 50% dell’attuale. Altro nome che circola in queste ore è quello dell’uomo Lotus Daniele Casanova. Forte di esperienza maturata anche in Red Bull, entrerebbe nel team di lavoro sul simulatore. Proprio il grande ragno ha recentemente cambiato cervello. Ora è dotato di un software che è tra i più all’avanguardia in assoluto. Non squillino le trombe: non sarà migliore di quello dei rivali ma non più peggiore come si è rivelato il precedente consentendo quindi alla Ferrari di ricucire in fretta almeno questo gap.

    Berger: “Sorpreso dalla scelta di Vettel”

    Gerhard Berger conosce bene Sebastian Vettel. C’era lui al muretto della Toro Rosso quando il tedesco regalava sotto il diluvio di Monza una storica vittoria al team di Faenza nel 2008. Rimasti vicino all’ambiente Red Bull, l’austriaco ha dichiarato:“Ha accettato una sfida grandissima. Anche Alonso non è riuscito a diventare campione del mondo con la Ferrari e vedo lì una situazione ancora piuttosto turbolenta. Non mi aspettavo che si sarebbe buttato in questa avventura in un momento come questo”. Vettel gli ha già indirettamente risposto quando ha spiegato:“La mia è una scelta di cuore. In Red Bull erano finiti gli stimoli ed è stato meglio lasciare potendo conservare fantastici ricordi e prima che i rapporti si logorassero. Penso che sia stato il momento giusto”.

    Nuova vita per Raikkonen?

    Massacrato da Alonso? No, dalla sfiga. E’ questo lo scenario che la Ferrari delinea attorno a Kimi Raikkonen. Lo ripeto, non sono chiacchiere da bar ma parole e concetti espressi da Marco Mattiacci quelli che attribuiscono ad una serie incredibile di sfortune i pessimi risultati di Iceman in questa stagione 2014 di Formula 1. Che la squadra sia convinta delle sue doti e compatta attorno a lui lo dimostra anche quanto accaduto al termine del GP di Russia. Dopo un anno passato a curare invano le ire di Alonso, Mattiacci ha trovato per la prima volta un finlandese insolitamente nervoso che si è preso (finalmente?) un po’ di tempo per scaricare contro il team i propri malumori. Anziché indicargli l’uscita come è stato fatto con il suo collega spagnolo, la Ferrari ha confermato a Kimi la stima e gli ha promesso che sarà fatto di tutto per aiutarlo a trovare un migliore feeling con la macchina. Probabilmente dal prossimo GP gli sarà fornito un nuovo telaio. Servirà a qualcosa?