F1 2015, Vettel: “Io diverso da Hamilton”

F1 2015, Vettel: “Io diverso da Hamilton”

    F1 2015, Vettel: “Io diverso da Hamilton”

    La Formula 1 ha capito che c’è bisogno di personaggi. Ed allora, in attesa che torni nelle zone alte della classifica anche Fernando Alonso, il Circus si concentra nel romanzare una rivalità tra Sebastian Vettel e Lewis Hamilton. Il primo a capire il potenziale esplosivo di questo binomio è proprio il pilota della Mercedes che dichiara cose tipo:”Sogno che la mia rivalità con Vettel diventi come quella tra Mansell e Senna”. Dal canto suo, il biondo naturale, quello della Ferrari, prova ad evidenziare come tra lui e l’anglocaraibico ci sia una profonda diversità nel modo di intendere la vita:”Rispetto a Lewis io sono solo uno sportivo”.

    Accusato da Bernie Ecclestone di essere troppo poco personaggio nonostante abbia vinto 4 titoli mondiali in appena 8 anni e mezzo di carriera in Formula 1, Sebastian Vettel si atteggia da umile operaio del motore. Non ha profili da social network nei quali ostentare una vita di lusso sfrenato. Ha una compagna fedele e due figli che tiene gelosamente lontani dal Circus.Io sono solo uno sportivo – ha dichiarato agli spagnoli di El Pais – capisco che ad alcuni non piaccia questa mia decisione ma devono rispettarla. Ovviamente accetto di essere un personaggio pubblico che ha molti tifosi e che fa parte di uno show ma voglio tenere la mia vita privata separata. E’ il mio punto di vista”. Vettel sottolinea quanta differenza ci sia tra lui ed Hamilton:”Abbiamo stili di vita completamente diversi ma è giusto che ognuno viva come preferisce. Io al momento sono impegnato al 100% nel riuscire a far tornare la Ferrari dove vogliamo che sia e non ho pensato molto a cosa farò quando smetterò di essere un pilota”.

    Lewis Hamilton è probabilmente uno dei piloti più forti di tutti i tempi. E lo dimostrano le tante rivalità che ha potuto snocciolare nella sua carriera. Oltre a Vettel e Alonso, il ragazzo di Stevenage vanta una lunga relazione di alti e bassi con Nico Rosberg. Proprio a lui dedica un pensiero mentre si avvicina alla conquista del terzo alloro iridato:”Ci conosciamo da quando avevo 4 anni ed abbiamo passato tanti momenti insieme con qualche fase difficile nel mezzo. Ma si è sempre comportato da signore anche nei momenti di sconfitta. So cosa si prova ma spero si ricordi che il team apprezza a pieno ciò che lui sta facendo”. Altrettanto distensivo è stato il commento di Rosberg:”Dopo il ritiro accusato nel GP di Russia è stata dura per me andare a festeggiare con i ragazzi del team la conquista del titolo costruttori ma poi sono stato contagiato dalla loro felicità. In fondo il merito di questo successo è anche mio e, quanto al campionato, ho ancora 4 gare per poter battere Lewis e togliermi qualche soddisfazione”, ha concluso.

    614

    PIÙ POPOLARI