F1 2015, Vettel: Pirelli trova la causa della gomma esplosa sulla Ferrari

F1 2015, Vettel: Pirelli trova la causa della gomma esplosa sulla Ferrari

    F1 2015, Ferrari: Vettel divide il Circus dopo le critiche a Pirelli

    L’atteggiamento di Sebastian Vettel contro la Pirelli dopo l’esplosione della sua gomma nelle fasi finali del Gran Premio del Belgio 2015 di Formula 1 non è piaciuto a molti. E non parliamo solo degli uomini di Paul Hembery. Anche autorevoli addetti ai lavori hanno giudicato inappropriato il risentimento del pilota tedesco. D’altro canto, la stragrande maggioranza dei piloti ha manifestato piena solidarietà per quanto accaduto, chiedendo alla Pirelli di intervenire prima del Gran Premio d’Italia in programma tra una settimana a Monza. A tal proposito, da una prima indagine interna, sembra che sulle gomme di Spa siano stati trovati un numero di detriti abnorme rispetto a quelli raccolti sugli altri circuiti.

    Il fatto che la Pirelli brancoli nel buio è evidente. Durante la gara Paul Hembery dice che la gomma di Sebastian Vettel può tranquillamente arrivare in fondo e che l’unico problema, semmai, è il rischio di un drastico calo di prestazione. Dopo l’esplosione cambia completamente versione ed accusa la Ferrari di essere andata oltre il limite dello pneumatico stesso. Oggi, al termine delle prime indagini svolte in fabbrica, infine, si scopre che tutte le gomme di tutti i piloti hanno attratto un gran numero di detriti, tali da far pensare che su quella di Vettel ci sia stata una foratura alla base dello scoppio. Si parla di circa ben 60 segni sulle gomme usate in Belgio contro i soli 85 registrati complessivamente da inizio stagione. Quanto all’usura del battistrada, pur se evidente, non sarebbe tale da giustificare il pericoloso cedimento.

    L’atteggiamento incerto della Pirelli ha attirato le critiche di tutti i tifosi Ferrari che hanno potuto contare su un opinion leader d’eccezione, vale a dire il furioso Vettel di fine gara. Contro l’atteggiamento del pilota tedesco si è schierato Eddie Jordan:“Sebastian deve pensare a ciò che dice prima attaccare pubblicamente una società globale come Pirelli”. Secondo l’irlandese, il 4volte iridato avrebbe preso quel rischio per cercare di restare ancora attaccato in classifica a Hamilton e Rosberg:“Per come è andata a finire, però, ha beccato 67 punti di distacco e ora il titolo se lo può scordare”, ha concluso.

    A prendere la parola per fare quadrato attorno a Sebastian Vettel è il presidente della GPDA, Alexander Wurz:“Queste improvvise esplosioni vanno evitate – ha dichiarato alla BBC – dal nostro punto di vista di piloti, siamo convinti che la fine della finestra di utilizzo di uno pneumatico non debba essere determinata da una delaminazione sotto forma di esplosione. Penso che esista una tecnologia in tal senso e siamo disponibili a collaborare con la Pirelli per raggiungere questo obiettivo”. Anche Maurizio Arrivabene, non poteva essere altrimenti, loda l’operato del suo pilota:“Sebastian ha lottato come una belva, è il prototipo di pilota che vorrei sempre in squadra”, ha affermato dopo la gara di Spa.

    652

    PIÙ POPOLARI