F1 2015, Vettel e la gomma esplosa in Belgio: parla da vero leader Ferrari

Formula 1 2015: Vettel approfitta del brutto episodio della gomma esplosa in Belgio per sfoggiare un atteggiamento da vero leader e uomo squadra della Ferrari. Non tutto il male viene per nuocere

da , il

    La grande delusione di Sebastian Vettel per come è finito il Gran Premio del Belgio 2015 di Formula 1, vale a dire il ritiro per gomma esplosa sulla sua Ferrari a poco più di 10 km dal traguardo mentre stava ottenendo un difficile podio, potrebbe persino trasformarsi in un evento positivo. L’accaduto, infatti, ha compattato ancor di più i rapporti all’interno del team. Ha fatto compiere un ulteriore salto di qualità nell’intesa tra squadra e pilota. Tant’è che il quattro volte iridato, fatto raro, ha sentito il bisogno di scrivere sul suo sito ufficiale, senza passare da nessuna mediazione di altri uffici stampa, un ulteriore precisazione che fa capire quanta unione d’intenti ci sia a Maranello e quanta voglia abbia questo ragazzo di mettere gli interessi della Scuderia al primo posto:“La scelta di fare una sosta è nata da me e dal team di comune accordo prima della gara. Si vince e si perde assieme. Non c’era un vero pericolo e il team non ha colpe”, ha sentenziato.

    Vettel: “Tattica decisa da me con il team”

    Senza avercela con Alonso ma, semmai, con un passato grigio per colpa di tanti soggetti e situazioni che si potrebbero analizzare solo scrivendoci un libro intero, ci limitiamo ad osservare che, alla vigilia del GP d’Italia a Monza, l’era dei tecnici Ferrari tutti geni o tutti scemi è davvero morta e sepolta. E’ finita. E’ passata. E’ passata da passato imperfetto a passato remoto. Sebastian Vettel ha smaltito solo a metà la rabbia. Intervenuto a mente fredda sul suo sito ufficiale, ha commentato nuovamente l’accaduto dando supporto alla scelta del team Ferrari:“E’ giusto essere chiari. La strategia ad una sosta era stata concordata da me e il team. Io sto con la scuderia e la scuderia sta con me. La strategia non era pericolosa e il team non ha nessuna colpa”.

    La Mercedes era intervenuta sul camber

    Altro team che ha incontrato una pericolosa esplosione di una gomma in Belgio è la Mercedes. I tecnici del team tedesco, capitanati da Paddy Lowe, però, si sono attenuti alla spiegazione data dalla Pirelli:“Siamo abbastanza sicuri che sia stata colpa di un detrito, quindi in ottica gara abbiamo chiesto alla FIA di intervenire sui cordoli. Inoltre, abbiamo deciso di ridurre il camber nonostante fossimo già ampiamente entro i limiti “. Toto Wolff ha aggiunto:“La scelta della Ferrari di fare una sola sosta ha preso in contropiede molti avversari. Veramente nessuno pensava che fosse possibile. E’ stata una scelta molto rischiosa e rappresentava la loro unica chance di salire sul podio”.

    La FIA pensa di intervenire

    Per evitare che episodi analoghi si ripetano, intanto, la FIA sta incontrando i team e la Pirelli al fine di trovare un accordo. “Se non ci sarà collaborazione, interverremo noi imponendo le nostre regole”, ha chiarito un portavoce della Federazione. La soluzione verso la quale si andrà è quella di stabilire ad inizio weekend un numero di giri massimi che ciascuna mescola può completare.