F1 2016: Ecclestone tifa Ferrari e va contro Hamilton

da , il

    Bernie Ecclestone non è mai stato un arbitro imparziale della Formula 1. Non è quello il suo ruolo. Non c’è da stupirsi, allora, che anche per la stagione 2016 scopra le sue carte raccontando di gufare contro Lewis Hamilton e di tifare a favore di Sebastian Vettel! Lo stesso Hamilton del quale è stato grande fan quando credeva che ci volesse un “nero” vincente nel Circus… ora non rappresenta più una novità. Ora la novità capace di attirare interesse, pubblico, sponsor e soldi è il ritorno sul gradino più alto del podio di un pilota che guida per la Ferrari. O, alla peggio, un Nico Rosberg qualunque. Chiunque purché non sia il solito monologo scontato del 2015…

    Ecclestone: dominio Hamilton è male per lo spettacolo

    “Spero che la Ferrari torni a vincere e sia in lotta per il campionato – si legge su Autosport – e lo stesso vale per la Red Bull. Se loro non dimostreranno di essere all’altezza, allora avremo ancora una Mercedes a dominare”, ha facilmente pronosticato Bernie Ecclestone. Nel caso peggiore, quello di una W07 ancora nettamente superiore alla SF16-H di Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen, il patron del Circus spera quantomeno che Nico Rosberg renda la vita dura a Lewis Hamilton così come avvenuto nelle ultime gare del 2015:“Ha vinto le ultime tre gare lo scorso anno e forse sarà ancora in grande forma. Forse ora Rosberg ha più convinzione nei propri mezzi. Anche avere quei due piloti che si sfidano sarebbe una bella cosa per lo spettacolo”, ha osservato.

    Fotogallery: test invernali F1 2016 a Barcellona

    Ecclestone: “Pronto a mollare la F1″

    Il board della F1 sta mettendo sotto analisi il lavoro svolto da Bernie Ecclestone. Proprio in queste ore è stata presentata una dettagliata relazione sul suo operato. L’85enne britannico non fa una piega e mette in conto anche lo scenario peggiore, vale a dire quello che lo porterà a dover lasciare la carica occupata da tanti anni e, grazie alla quale, è riuscito a disegnare una Formula 1 a sua immagine e somiglianza: ricca, avida ma dal successo planetario. Al di là dei meriti o dei demeriti, c’è l’anagrafe a voler dire la sua. E, secondo la stampa inglese, è in discussone un piano per designare il suo successore. Stavolta per davvero. “Se qualcuno pensa che si possa fare meglio di così, non ho nessun problema a lasciargli il posto”, ha ammesso Ecclestone in un non raro slancio di cinico realismo.