F1 2016, Ferrari: motore Ok, ora tocca all’aerodinamica

Formula 1: la Ferrari si rimbocca le maniche per questo finale di stagione 2016. Anziché tirare i remi in barca, proseguirà lo sviluppo sulla SF16-H per battere la Red Bull ed ottenere il secondo posto nel mondiale. Grande attesa, quindi, per le novità aerodinamiche che nasceranno dal gruppo guidato da Mattia Binotto

da , il

    Il quadro della Scuderia Ferrari di Formula 1 a cavallo tra la fine della stagione 2016 e l’avvicinarsi di quella 2017 è a tinte fosche. Da Maranello, però, vogliono ancora spargere ottimismo. Forse l’obiettivo reale è quello di far lavorare con un po’ di tranquillità gli uomini appena promossi. Quelli che hanno l’arduo compito di sfornare una macchina del tutto nuova, figlia di nuovi regolamenti, senza avere un vero capo, un vero guru, a spronarli ed illuminarli. Hanno Mattia Binotto, bravo a tirar fuori il 110% dalle loro capacità. Ma basterà?

    Marchionne: ”Ferrari lavora su 2016 e 2017”

    Nella storia recente, alcune monoposto di Formula 1 uscite vincenti dalle rivoluzioni regolamentari sono state quelle figlie del guizzo, dell’idea, della trovata del singolo, come il doppio diffusore di Ross Brawn ha insegnato. Altre volte è stato il budget faraonico e la pianificazione meticolosa del lavoro a dettare legge, come nel caso della strepitosa power unit firmata Mercedes. L’impressione è che anche per la rivoluzione tecnica del 2017 varrà più la programmazione che l’invenzione. Intanto, la Ferrari inizierà a farci vedere qualche frutto del lavoro di David Sanchez già in questa stagione. Con la power unit che ha raggiunto risultati soddisfacenti, ora tocca far crescere l’aerodinamica ed il nuovo capo del settore, Sanchez appunto, farà arrivare qualcosa di interessante per il Gran Premio del Giappone. Almeno così ha fatto capire Marchionne: ”I lavori 2016 e 2017 proseguono in parallelo. Mi aspetto novità già in Giappone ma per maggiori dettagli chiedete ad Arrivabene” , è stato il commento del presidente.

    Ferrari, Arrivabene:”Non vedo l’ora arrivi la prossima stagione”

    Marchionne consiglia di chiedere ad Arrivabene. Qualcuno è andato dal team principal della Ferrari ma non ha trovato dettagli in più sull’operazione, solo la conferma che lo sviluppo della SF16-H proseguirà in parallelo con quello della nuova monoposto: ”Proveremo a fare il massimo e non smetteremo di lottare. Lo faremo cercando il giusto equilibrio tra obiettivi presenti e futuri – ha spiegato Arrivabene le cose non cambiano dal giorno alla notte ma in Ferrari ci sono persone affidabili per cui non vedo l’ora che inizi la prossima stagione”.

    F1, Raikkonen:”Obiettivo 2016 è battere la Red Bull”

    La Ferrari vista a Monza è facilmente in grado di riprendersi il secondo posto nel mondiale ai danni della Red Bull. Anche a Spa una settimana fa c’era il potenziale per fare bene se non ci fosse stato l’incidente della prima curva. Ora Kimi Raikkonen, galvanizzato dalla ritrovata fiducia di pubblico e critica, sprona la squadra a non mollare: ”A Monza abbiamo portato un aggiornamento sul motore. E’ stato normale come deve fare un team di Formula 1. Abbiamo, però, ancora tanto da migliorare anche sull’aerodinamica. Purtroppo non possiamo più puntare al primo posto ma vogliamo riprenderci almeno il secondo dando continuità a quanto fatto bene nelle ultime due uscite” . Per capire le ambizioni della Ferrari, sarà importante vedere cosa accadrà su una pista lenta come Singapore. Dodici mesi fa arrivò una vittoria schiacciante da parte di Vettel. “Ogni anno è una storia a sé”, ha ricordato Iceman.