F1 2016, Honda realista: “Obiettivo McLaren? Q3 e qualche podio”

F1 2016, Honda realista: “Obiettivo McLaren? Q3 e qualche podio”
da in Formula 1 2017, Honda F1, McLaren F1, News F1
Ultimo aggiornamento: Giovedì 14/01/2016 07:24

    F1 2016, Honda realista: "Obiettivo McLaren? Q3 e qualche podio"

    C’è grande curiosità sui risultati che sarà in grado di ottenere il binomio McLaren-Honda nella stagione 2016 di Formula 1. Il 2015 da incubo è messo alle spalle? Oppure i guai sono tutt’altro che terminati? Yasuhisa Arai, intervistato da F1i.com, racconta la sua versione dei fatti ammettendo quali possano essere i pericoli ancora in agguato per la scuderia di Woking e indicando aspettative realistiche:“Puntiamo ad entrare stabilmente in Q3 ed a salire sul podio”. Insomma, sembra di essere tornati indietro di 12 mesi. L’esperienza accumulata, però, dovrebbe stavolta rendere questi obiettivi minimi non più delle chimere.

    “Non voglio parlare troppo né sbilanciarmi - ha ammesso Arai - il nostro obiettivo è puntare al podio ma non sono in grado di dire quando ciò sarà realmente possibile”. Il responsabile del progetto Honda in Formula 1 ha spiegato che il lavoro sulla power unit è stato impostato affinché siano risolti i problemi sofferti all’ERS in modo tale da raggiungere un decente livello di affidabilità in vista della prima gara di Melbourne:“Vogliamo entrare stabilmente in Q3 e per farlo puntiamo su una vettura McLaren dal design compatto. Starà a noi saper adattare il motore”.

    Arai ha confermato che una delle sfide più grandi sta nel proseguire il processo di miniaturizzazione di alcune componenti con la grande eccezione del turbocompressore che ha sofferto proprio le sue dimensioni troppo ridotte e che, in vista della stagione 2016 di F1, ha subito una cura a base di ormoni della crescita:“Penso che abbiamo un numero di gettoni congruo per intervenire sulle aree più importanti. Certo, non potremo lavorare su tutto ma avendo ampi margini di miglioramento, possiamo compiere grossi passi in avanti con facilità” ha ricordato il capo del progetto Honda F1.

    Mentre a Woking i suoi uomini lavorano sodo per uscire dalle sabbie mobili delle ultime posizioni della classifica, il boss della McLaren Ron Dennis trova anche il tempo di ragionare sulle prospettive a medio-lungo termine della Formula 1. “Prevedo un calo di profitti ma poi questi ritorneranno a salire – si legge su motorsport.com – la F1 è uno sport che sarà sempre in grado di generare profitti e lo spettacolo che può offrire è ancora buono. Nonostante il dominio della Mercedes, si vedono sorpassi e un bel duello interni tra i loro piloti che piace ai mezzi di comunicazione. Quindi, resto ottimista per il futuro”.

    569

    PIÙ POPOLARI