F1 2016, Mercedes: sarà lotta libera tra Hamilton e Rosberg

F1 2016, Mercedes: sarà lotta libera tra Hamilton e Rosberg
da in Formula 1 2017, Lewis Hamilton, Mercedes F1, News F1, Nico Rosberg
Ultimo aggiornamento: Martedì 15/03/2016 06:13

    La stagione 2016 di Formula 1 inizia con una novità. La Mercedes ha deciso di lasciare i suoi due piloti, Lewis Hamilton e Nico Rosberg, liberi di darsi battaglia senza stare ad ascoltare troppi ordini dal muretto box? Come mai questa svolta? Varie sono le spiegazioni: innanzitutto, dopo due anni di dominio, anche i cannibali di Brackley iniziano ad avere un po’ di pancia piena; in secondo luogo, con le limitazioni introdotto da regolamento ai team radio, sarà più difficile gestire a distanza le azioni in pista; infine, forti del loro dominio, hanno capito che l’unico modo per rendere la Formula 1 ancora avvincente e interessante è quello di far sfidare a brutto muso i loro due alfieri.

    “Devo ringraziare il team per questa decisione” , ha dichiarato Nico Rosberg intervistato da F1i.com commentando la volontà del muretto Mercedes di fare un passo indietro e non intromettersi più nella battaglia tra lui ed il compagno di box. “Anche se tra noi ci sono stati momenti di tensione, penso che abbiamo portato tanti successi alla squadra” , ha sottolineato il pilota tedesco. “Siamo due professionisti e ci conosciamo da molti anni, è sicuro che non agiremo mai contro l’interesse della squadra” , ha aggiunto Hamilton.

    Si sospetta che le limitazioni ai team radio possano agevolare l’intelligenza tattica di Nico Rosberg, più freddo e calcolatore, anziché il talento immenso ma grezzi e istintivo di Lewis Hamilton. Il primo a crederlo è proprio il pilota tedesco che spera di colmare così il gap dall’amico-rivale. “Abbiamo studiato molto in fabbrica per cercare di capire cosa potesse succedere con questa nuova regola – ha dichiarato Hamilton a motorsport.com – si tratta di un cambiamento epocale e, indipendentemente dal fatto che possa piacermi o meno, renderà le cose più difficili per tutti. Ci saranno da ricordare tante cose e tante procedure diverse tra loro. Probabilmente vedrete dentro la macchina molti più adesivi per riuscire a ricordare tutto. Ma solo una piccola parte di queste procedure serve per far andare più forte la vettura. Il resto sono solo azioni necessarie per far funzionare il tutto a dovere” . Proprio ricollegandosi a quest’ultimo ragionamento, il tre volte iridato esprime qualche perplessità sulla nuova regola: ”Credo che tante azioni che dovremo ricordare a memoria saranno irrilevanti per il pubblico dato che non influenzano la velocità. L’idea è buona nel suo complesso ma dovremo fare un po’ di fatica in più”.

    492

    PIÙ POPOLARI