F1 2016: Mercedes teme l’accoppiata Vettel-Ferrari

Formula 1 2016: la Mercedes, per bocca di Wolff e Lauda, si mostra seriamente preoccupata dal potenziale della coppia Vettel-Ferrari. Berger spiega come mai funzioni meglio di quando c'era Alonso

da , il

    L’accoppiata Vettel-Ferrari fa paura alla Mercedes. La casa di Stoccarda, data ancora come grande favorita per la vittoria del mondiale 2016 di Formula 1, non dorme sonni tranquilli. Toto Wolff, ad esempio, crede che Vettel, grazie al clima sereno che vive nel box italiano, possa approfittare di eventuali tensioni tra i suoi due piloti:“Siamo preoccupati in quanto Vettel potrebbero trarre beneficio dalla rivalità tra Hamilton e Rosberg - ha dichiarato ad Auto Bild – noi siamo svantaggiati dall’avere una coppia più equilibrata rispetto alla Ferrari dove è chiaro che c’è una prima e una seconda guida. Ma fintanto che la nostra rivalità interna non sarà un problema, Lewis e Nico resteranno con noi”, ha assicurato.

    Lauda promuove Vettel a vero sfidante

    Sebastian Vettel non sarà un pilota capace di vincere solo qualche gara approfittando di situazioni favorevoli come accaduto nel 2015. Nella stagione 2016 di Formula 1, sarà in lotta per il titolo mondiale. A sostenerlo è anche l’altro pezzo da novanta del box Mercedes che risponde al nome di Niki Lauda:“La Ferrari è tornata ad essere un team forte ed è fuori discussione che Vettel sia un campione che ha grandi doti di guida e tanta fame di vittoria. Ci sono tutti i fattori affinché Vettel e la Ferrari siano avversari pericolosi”, ha spiegato il tre volte iridato.

    Formula 1 2016, Test Pirelli

    Berger: “Vettel meglio di Alonso per la Ferrari”

    Intervistato da Auto Motor und Sport, anche Gerhard Berger tesse le lodi di Sebastian Vettel. L’ex team principal della Toro Rosso conosce bene sia il pilota tedesco che l’ambiente Ferrari avendo lavorato a stretto contatto con entrambe le realtà. Per questa ragione, pensa di sapere come mai ora le cose vadano meglio rispetto a quando c’era Alonso:“Per far andare bene la tua storia in Rosso, devi calarti perfettamente nell’ambiente Ferrari. Alonso aveva uno stile di lavoro diverso e si può ora dire che era l’uomo sbagliato per la Ferrari. Vettel, come Schumacher o Lauda prima di lui, invece, ci sono riusciti”. Secondo Berger, gli ultimi accadimenti sportivi hanno fatto perdere allo spagnolo anche parte della stima da parte degli addetti ai lavori:“Tre anni fa era considerato da tutti il miglior pilota in circolazione ma dopo alcune stagioni opache, soprattutto l’ultima, la gente ha dimenticato il suo valore. Parallelamente, nessuno ha nulla da obiettare nell’indicare Vettel come il primo degno successore di quello Schumacher che ha vinto cinque titoli di fila in Ferrari“.