F1 2016: Red Bull correrà con motori Renault ma senza marchio?

Formula 1 2016: la Red Bull ha forse trovato una soluzione per correre anche la prossima stagione. Userà dei motori Renault senza marchio!

da , il

    Per quel che concerne la fornitura di motori alla Red Bull in vista della stagione 2016 di Formula 1, salta fuori una soluzione di compromesso in grado di mettere tutti d’accordo, forse. Incassato da tempo il “no” di Mercedes e Ferrari e preso atto che la McLaren ha vietato alla Honda di collaborare con i bibitari, a Dietrich Mateschitz non resta che sperare nella clemenza della Renault. Il boss del beverone non ama questo progetto e lo stesso vale per i transalpini. Ma alla fine si dovrà fare per forza qualcosa di questo tipo per evitare al team di Milton Keynes un clamoroso anno sabbatico. “Ci prenderemo altre due o tre settimane per decidere – ha dichiarato Mateschitz a Speed Week – certo è che se non avremo un motore saremo costretti ad andarcene”.

    Red Bull obbligata a tenersi motori Renault “anonimi”?

    Il padrone della Red Bull ha anche ammesso di considerare l’esperienza con Renault ormai stra-chiusa. Ma, intanto, Christian Horner ha incontrato Carlos Ghosn per mettere sul piatto un ragionamento diverso: correre con motori Renault ma senza che abbiano alcun marchio sopra. “Siamo molto stretti con i tempi e non so se, ad oggi, saremo in grado di essere in pista per il primo test invernale - ha spiegato Horner a motorsport.com – abbiamo dimostrato di saper fare miracoli in tempi rapidissimi ma è importante arrivare ad una soluzione nel giro di poche settimane. Quello che tutti sanno all’interno dello staff è che la Red Bull è determinata a fare le cose per bene perché vuole trovarsi in condizioni competitive”.

    McLaren vieta ad Honda di fornire motori a Red Bull

    Nella disperata ricerca di un motore, la Red Bull ha bussato anche alla porta della Honda. Ed i giapponesi l’hanno aperta. Al momento non hanno molto da offrire ma è lecito attendersi anche da parte loro una grande crescita. Tuttavia, la McLaren – Ron Dennis in persona – è scesa in campo per bloccare ogni conversazione con gli austriaci. L’obiettivo di Woking è di beneficare di una collaborazione unica, dedicata solo a loro. “Ho parlato con Dennis ed il suo punto di vista è stato chiaro – ha spiegato Horner ad Autosport – la Honda vorrebbe fornirci i motori ma sfortunatamente hanno una clausola contrattuale che li lega esclusivamente alla McLaren e senza un accordo tra loro due, siamo fuori. Ora se la devono vedere tra di loro. Noi possiamo solo sperare nel supporto di Jean Todt e Bernie Ecclestone”.

    Vettel: “Ricciardo non ha colpa per la mia foratura”

    Tornando su quanto accaduto nel GP del Messico e l’incidente tra Vettel e Ricciardo della prima curva, il pilota della Ferrari interviene per scagionare l’ex compagno di squadra:“All’inizio ero arrabbiato con lui per come mi ha rovinato la gara alla prima curva ma poi ho rivisto l’incidente in Tv e penso che abbiano fatto bene a non penalizzarlo. Io mi sono accorto di lui all’ultimo momento e mi sono spostato per dargli spazio ma ormai era troppo tardi. Ci siamo toccati senza che nessuno abbia delle vere colpe, perché nessuno lo ha fatto apposta. E’ stato solo un grande peccato per noi”, ha concluso.