F1 2016, Renault: anteprima nuova livrea, PDVSA c’è

Formula 1 2016: anteprima livrea Renault. Lo sponsor PDVSA è ancora lì e conferma la presenza di Maldonado sebbene resti ancora qualche mistero sul rischio di vedere Magnussen al suo posto in Australia

da , il

    La rivista F1 Racing, senza troppa fantasia rispetto all’ultima apparizione della Renault come team unico, anticipa la livrea della scuderia di Enstone per la stagione 2016 di Formula 1. Se punteranno su una soluzione non troppo rivoluzionaria, le monoposto francesi appariranno così. Da notare che lo sponsor venezuelano PDVSA è ancora lì a fare bella mostra di sé. In effetti, il colosso petrolifero ha confermato i propri piani di investimento nel Circus tranquillizzando anche sulla presenza di Pastor Maldonado come pilota ufficiale.

    PDVSA conferma: Maldonado ci sarà

    La scorsa settimana era girata voce che lo sponsor PDVSA fosse in ritardo con i pagamenti e stesse pensando di ritirare il proprio impegno con il team Renault. Ciò avrebbe significato la logica estromissione di Pastor Maldonado dalla Formula 1 a favore dello scalpitante danese Kevin Magnussen che può contare – oltre che su un discreto talento tutto da far sbocciare – anche su una valigia da 7 milioni di dollari. Dopo un incontro avvenuto a Caracas tra i vertici della compagnia petrolifera e quelli della scuderia transalpina, la situazione sembra tornata alla normalità:“Sono state fatte filtrare solo speculazioni. Non sta succedendo nulla di anomalo ma solo una normale riorganizzazione delle attività comuni”, ha dichiarato un portavoce della PDVSA al riguardo.

    Magnussen-Maldonado? Renault tiene alta la tensione

    Forse perché non si fidano delle rassicurazioni venezuelane. Forse perché i soldi non sono ancora arrivati. Fatto sta che quelli della Renault giocano al gatto col topo e tengono alta la tensione su Pastor Maldonado. “Ci sono tante speculazioni su Magnussen. La verità è che abbiamo un contratto firmato con Maldonado ma - ha spiegato provocatoriamente un portavoce di Enstone durante un’intervista alla BBC – non sapremo nulla di certo fino a quando non arriveremo al GP d’Australia”.

    Red Bull su Renault: “Sono senza speranze”

    Nonostante la Renault sia tornata sui propri passi concedendo una power unit per la stagione 2016 di F1 che consentirà alla Red Bull di non restare a piedi, Helmut Marko non si mostra né grato, né diplomatico. Il consigliere del team di Dietrich Mateschitz spara a zero contro il nuovo progetto di costruirsi un team in proprio:“Vista l’attuale situazione della scuderia di Enstone, la Renault farebbe meglio a dedicarsi solo a noi. Non penso, infatti, che possano andare molto lontano visti i piloti ed il personale a loro disposizione. Penso che difficilmente otterranno qualcosa di buono nella prossima stagione”. Marko, in verità, non è ottimista neppure verso la sua Red Bull che – a suo dire – pagherà un gap di solo motore quantificabile in circa mezzo secondo rispetto alla sorella minore Toro Rosso spinte dai motori Ferrari del 2015. Insomma, se a Faenza avranno indovinato un buon telaio, potranno stare spesso davanti a più blasonati parenti di Milton Keynes.