F1 2016, ufficiale: Toro Rosso con Ferrari, Red Bull con Renault-Ilmor e TAG Heuer

Formula 1 2016: completato lo scacchiere dei motori con la Ferrari a spingere le Toro Rosso e la Renault ancora con Red Bull ma anche con un suo team al 100%

da , il

    Nel giro di poche ore sono arrivate tutte le soluzioni ad alcuni dei rebus più complicati della stagione 2016 di Formula 1. Sul fronte dei propulsori, chiarezza è fatta. La Red Bull Racing continuerà con power unit Renault ma brandizzate con lo sponsor TAG Heuer. Ad aiutare i francesi durante la stagione ci penserà la Ilmor. La Toro Rosso ha ufficializzato l’accordo con la Ferrari e la Renault ha confermato che correrà anche con i suoi colori avendo definito l’acquisto della scuderia Lotus e della fabbrica di Enstone.

    Red Bull ancora con Renault

    I motori Renault restano in Red Bull anche per la stagione 2016 di Formula 1. Questa mossa costa scuse pubbliche da parte degli austriaci ai francesi dopo le tante e feroci critiche rivolte loro nel corso del 2015. Di contro i francesi, accettando la collaborazione con la Ilmor di Mario Ilien, ammettono di aver bisogno di altre forze esterne per chiudere in fretta il gap da Ferrari e Mercedes. La novità del 2016 è che non ci sarà più il nome Renault sulle power unit dei bibitari che saranno brandizzate Tag Heuer. “TAG Heuer e Red Bull sono marchi icona della Formula 1 e siamo felici che un’azienda così importante abbia scelto di collaborare con noi – ha dichiarato Christian Horner - abbiamo valori comuni in termini di innovazione e voglia di vincere. Crediamo ancora nelle possibilità che ha la Renault di crescere”.

    Toro Rosso; power unit Ferrari nel 2016

    La Toro Rosso conferma Carlos Sainz e Max Verstappen come coppia piloti per la stagione 2016 di F1 e ufficializza la partnership con la Ferrari come fornitore di power unit. A parlarne è il team principal Franz Tost:“E’ fantastico tornare a lavorare con la Ferrari visto che in passato c’è stata una fruttuosa collaborazione. C’è poco tempo da qui al primo test ma penso che il nostro gruppo sia preparato per farci arrivare competitivi in tempo per Melbourne”.

    Renault:”3 anni per tornare a vincere”

    E’ Carlos Ghosn, amministratore delegato del gruppo francese, l’uomo che ha dato la botta decisiva ai tentennamenti della Renault sul restare o meno ancora nel Circus. Ora è lui che parla dei programmi futuri della scuderia di Enstone:“Penso che ci vorranno almeno tre anni per tornare ad essere competitivi – ha spiegato Ghosn a Le Figaro – avevamo due opzioni: tornare al 100% o uscire completamente. La nostra ambizione è quella di tornare a vincere per cui continueremo a fornire il nostro motore alla Red Bull ma questa semplice soluzione non era per noi conveniente dato che adesso gli introiti sono distribuiti diversamente. Ricordo – ha concluso il capo della Regiè – che Renault è il secondo costruttore più vincente dietro solo alla Ferrari e davanti alla Mercedes. A Gennaio daremo informazioni più precise in merito all’organizzazione del team, agli obiettivi e ai piloti”. Quest’ultima affermazione mette in serio rischio i sedili di Maldonado e Palmer che erano già stati messi sotto contratto dalla Lotus.