F1 2016, Vettel e Button scrivono alla Governance della F1: “Riforme per far tornare lo spettacolo”

F1 2016, Vettel e Button scrivono alla Governance della F1: “Riforme per far tornare lo spettacolo”

    GPDA

    Colpo di scena in Formula 1: la GPDA, Grand Prix Drivers Association, ha scritto una lettera aperta alla Governance della Formula 1 con la quale esorta i capi del Circus a cambiare alcune regole ritenute inadatte e obsolete per lo spettacolo. I piloti hanno preso carta e penna e hanno mostrato il proprio malessere chiedendo un intervento immediato a chi gestisce la Formula 1: “A volte portare cambiamenti può non aiutare, anzi, può provocare l’effetto opposto – si legge nota – vorremmo sollecitare i proprietari e tutti gli addetti ai lavori della Formula 1 a ristrutturare la governance del Circus”. Frasi che fanno effetto e che mostrano l’insofferenza dei piloti per le ultime modifiche regolamentari.

    La lettera della GPDA mostra una Formula 1 sempre più malata e poco spettacolare. I piloti, come si può capire in alcuni punti, vogliono tornare a fare i piloti ovvero schiacciare la tavoletta, dare gas alle proprie monoposto e battagliare in pista. Basta calcoli, basta regole definite inopportune (non viene citata la nuova qualifica ma si parla di “decisioni prese nelle ultime settimane” ndr) perchè i piloti vogliono la sfida. I piloti, come si può leggere nella lettera a fondo pagina, sono uniti e vogliosi di mantenere la Formula 1 ad alti livelli ma chiedono garanzie a chi gestisce il Circus. La domanda che sorge spotanea è: Come prenderà questa lettera Bernie Ecclestone? Girate la pagina per leggere la lettera integrale della GPDA.

    “Cari appassionati, seguaci e fan della Formula 1, I piloti di Formula 1 vorrebbero affermare che amano il proprio sport! Fin dall’infanzia abbiamo sognato di correre con le monoposto più veloci al mondo messe in pista dai top team sulle piste più spettacolari del globo, ma anche confrontarci con i migliori piloti del pianeta. Cerchiamo la concorrenza, la sfida, e amiamo la F.1 quasi incondizionatamente. Questo, probabilmente, ci rende le persone con il più alto grado di interesse per la F.1, al pari dei nostri fan. I piloti hanno convenuto che le decisioni prese nel corso delle ultime settimane sono obsolete e mal strutturate. Queste hanno distrutto i progressi svolti nel corso degli ultimi anni. A volte portare cambiamenti può non aiutare, anzi, può provocare l’effetto opposto, peggiorando la situazione. Questo si riflette negativamente sul nostro sport e impedisce di attrarre le nuove generazioni e una crescita globale della categoria. Vorremmo chiedere e sollecitare i proprietari e tutti gli addetti ai lavori della Formula 1 a riconsiderare e ristrutturare la governance del Circus iridato. Le direzioni future e le decisioni che verranno prese in F.1, dovessero arrivare a breve o a lungo termine, sportive, tecniche od orientate al business, dovrebbero essere basate su un piano ben preciso, che rispecchi i principi e i valori fondamentali della categoria.La F.1 è senza dubbio una categoria affermata nel Motorsport e, come tale, uno degli sport più popolari e con grande visibilità al mondo. I piloti devono rimanere uniti. Offriamo loro il nostro aiuto per mantenere la F.1 ad alti livelli e fare in modo che ci rimanga anche in futuro. Questa lettera aperta ha il compito di fare l’interesse di tutti e non deve essere intesa come un attacco cieco e irrispettoso. Grazie per la vostra attenzione, che ha permesso a noi di porre i nostri pensieri in questa lettera”.

    619

    PIÙ POPOLARI