F1 2017, allarme Pirelli: piloti rischiano salute con nuove auto

Formula 1 2017, i piloti rischiano la salute? Così pare sentendo il commento della Pirelli sulle forze G a cui saranno sottoposti con l'aumento di prestazione delle macchine

da , il

    E’ più che inquietante l’allarme lanciato da Paul Hembery sulle nuove vetture della stagione 2017 di Formula 1. L’aumento di prestazioni porta i piloti a subire forze gravitazionali molto più elevate del passato sottoponendoli ad uno stress fisico che potrebbe avere ripercussioni persino sulla loro salute. Il quadro descritto dal responsabile della Pirelli è decisamente preoccupante:“Alcuni medici intelligenti potrebbero dirci che ci stiamo avvicinando al punto di blackout. Quello che abbiamo visto in curva 3 a Barcellona è stato impressionante. Sono certo che un normale essere umano non riuscirebbe a gestire quella forza a cui sono sottoposti i piloti”. Hembery fa riferimento a gare al caldo con lunghi stint e piloti costretti a subire forze gravitazionali di oltre 5G. Qualcuno, ad un certo punto, potrebbe perdere i sensi e rappresentare un grande pericolo per sé stesso e per gli altri. Adesso c’è da capire se siamo di fronte ad uno spauracchio o ad un qualcosa che porterà la FIA a immediate contromisure.

    F1 2017, Pirelli: bilancio dei test

    Al termine della prima settimana di test della stagione 2017 di Formula 1, Mario Isola della Pirelli fa un primo bilancio con la bellezza di 14.826 Km percorsi complessivamente dai team:“Siamo soddisfatti dei risultati di questi quattro giorni. Dai nostri dati, le nuove gomme sono in linea con le nostre aspettative. Quello che ci è stato chiesto per la stagione 2017 di F1 è sviluppare pneumatici che degradino meno e che consentano ai piloti di spingere il più possibile. In questi giorni di test abbiamo visto esattamente questo ed è in questa direzione che continueremo a lavorare”. Il managing director della Pirelli conferma il drastico miglioramento delle prestazioni:“Le previsioni parlavano di un miglioramento di 5 secondi al giro rispetto al 2015 e Valtteri Bottas ha segnato il miglior tempo di 1.19.705 mentre la pole position del 2015 a Barcellona era stata di 1.24.681, direi che ci siamo”. Ultima citazione è per le gomme da bagnato:“La combinazione tra nuove dimensioni e nuovi disegni fa sì che la capacità di drenaggio dei nuovi Cinturato Full wet sia passata da 65 a 85 litri di acqua al secondo per ruota, a 300 km/h, e quella dei nuovi Cinturato Intermediate sia passata da 25 a 30 litri”. La speranza è di vedere qualche gara bagnato con meno presenza di safety car in pista.

    Pirelli: presto per rinnovo contratto con la Formula 1

    La Pirelli ha anche fatto sapere che non ha nessuna fretta di discutere il rinnovo del contratto come fornitore unico della Formula 1. L’attuale accordo scade nel 2019 “E’ troppo presto adesso per parlare della questione dato che non è neppure iniziata la stagione 2017 di Formula 1 - ha ammesso Paul Hembery a chi chiedeva se avrebbe incontrato i nuovi proprietari del Circus per discutere con loro un rinnovo di contratto anticipato - prima di tutto vogliamo capire che direzione prenderà questo sport e quali saranno le nuove regole”, ha aggiunto il britannico dando appuntamento per riaprire l’argomento ad inizio 2018.