F1 2017, Bottas: “In Mercedes per vincere subito”

F1 2017, Bottas: “In Mercedes per vincere subito”

    F1 2017, Bottas: "In Mercedes per vincere subito"

    E’ ufficiale: la Mercedes ha scelto Valtteri Bottas come pilota per la stagione 2017 di Formula 1 da affiancare a Lewis Hamilton dopo il clamoroso ritiro di Nico Rosberg. Il finlandese, classe 1989 è considerato da Toto Wolff (che ne è anche manager) un talento assoluto. Adesso ha la grande occasione e non vuole assolutamente perderla. Eppure, la vita sarà dura considerando il nome del compagno di box ed immaginando un rimescolamento dei valori in campo derivato dal cambio di regolamenti che sta per arrivare.

    La presentazione ufficiale di Valtteri Bottas da parte della Mercedes è andata in onda in diretta streaming. “Sono orgoglioso di essere in questa squadra – ha dichiarato il pilota finlandese – per me è fantastico poter guidare una Freccia d’Argento. Non vedo l’ora di iniziare. Abbiamo tempo sufficiente prima dei test per sistemare tutto dato che devo ancora incontrare tante persone. Ho intenzione di lavorare duramente per tirare fuori il massimo dalla vettura” Bottas non ha nessuna intenzione di tenere bassa l’asticella:“Nella mia prima gara avrò come obiettivo quello di portare a casa tutti i punti che la macchina potrà conquistare. Penso che sarà un’ottima monoposto anche in questa stagione. Per me sarà l’anno più importante e come minimo vorrò ottenere la mia prima vittoria di un Gran Premio dato che con la Williams sono già salito nove volte sul podio ma mai sul gradino più alto. Con Lewis saremo una coppia forte. E’ veloce e sarà un bel riferimento per me. Sono certo che lavoreremo bene assieme e ci spingeremo a vicenda”, ha concluso senza mostrare grossi timori reverenziali neppure nel confronto con il tre volte iridato.

    Un interessante intervento di Gian Carlo Minardi su motorsport.com merita attenzione dato che sono in molti a condividere il suo pensiero. Secondo il celebre team manager nonché scopritore di tanti talenti del volante, Bottas non è il fenomeno che la Mercedes crede:“E’ solo una buona seconda guida ma la Mercedes si è indebolita. Wolff ha scelto l’opzione peggiore dato che avrebbe potuto tentare di liberare un top driver (leggasi Alonso o Vettel) oppure avrebbe potuto puntare su un giovane che avrebbe imparato molto da Lewis. Invece, ha scelto Bottas che in Williams ha faticato a stare davanti a Massa“. Minardi ha poi rincarato la dose:“Non vedo Bottas capace di stare con la sua Mercedes davanti neppure alle Red Bull di Verstappen e Ricciardo dato che mi risulta Newey stia facendo un gran lavoro per il 2017″. Staremo a vedere. Messa così, senza mezzi termini, qualcuno tra qualche mese avrà molta ragione. E qualcuno molto torto.

    585

    PIÙ POPOLARI