F1 2017, Ferrari:”Stagione non chiusa”, Mercedes annuncia catenaccio

Marchionne chiede al team Ferrari di crederci ancora in un grande finale di stagione 2017 di F1 per mettere in crisi la Mercedes

da , il

    F1 2017, Ferrari:”Stagione non chiusa”, Mercedes annuncia catenaccio

    La stagione di Formula 1 2017 non è chiusa per la Ferrari. Non ancora. Non lo è stando alle parole di Sergio Marchionne. Il presidente della scuderia italiana chiede ai suoi uomini di dare fastidio alla Mercedes fintanto che la matematica non esprimerà la sua condanna definitiva. Alla peggio, vuole dimostrare che la Ferrari SF70H di questo finale di stagione è più veloce della Mercedes W08. Vuole far vedere al mondo della Formula 1 che ci sono stati alcuni incidenti di percorso ma che in Ferrari si sanno rialzare. Alla grande. “Non credo alla sfortuna, ci sono successe cose che capitano a tutti ogni tanto – ha dichiarato Marchionne durante un’intervista alla Cnbc – è importante adesso non perdere fiducia. Siamo qui, siamo in una condizione in cui lo scorso anno nessuno avrebbe scommesso”.

    Marchionne:”Ferrari forse superiore a Mercedes, crediamoci ancora!”

    “Non voglio fare l’arrogante - ha proseguito Sergio Marchionne – ma la Ferrari di oggi è allo stesso livello se non superiore alla Mercedes. Anche la Red Bull ha fatto passi avanti ma non credo che possano darci fastidio in gara. La stagione non è ancora persa, abbiamo tempo per ridarci. Ho grande fiducia che nelle prossime gare recupereremo sulle Mercedes”.

    Infine, il presidente della Ferrari è tornato sull’episodio che ha messo Ko Vettel nel GP del Giappone, l’ultimo di una serie incredibile, che ha portato il distacco su Hamilton da +14 a – 59 in poco più di un mese. 59 punti come i 59 Euro del costo della candela fatale di Suzuka:“E’ stata una sciocchezza su una macchina che costa centinaia di migliaria di euro. Ora dobbiamo gestire il problema della qualità della componentistica che fino ad oggi abbiamo forse sottovalutato. Lo risolveremo”.

    Mercedes non si fida della Ferrari e prepara il catenaccio

    La Mercedes ha 4 gare tutte in discesa in cui festeggiare il titolo mondiale piloti e costruttori. Se Hamilton riuscisse a raccogliere 16 punti in più di Vettel nel prossimo GP di Austin, si laureerebbe campione del mondo con 3 gare d’anticipo. Addirittura. Toto Wolff è davvero una vecchia volpe, però! Non si fida della Ferrari. Non si fida della sfiga che può cambiare vento da un momento all’altro. Per cui vede oltre:“Ci sono cose della nostra macchina che dobbiamo ancora capire dopo 16 gare. Ad esempio, sappiamo che soffriamo molto il caldo e non possiamo sperare che ci sia sempre freddo e nuvole - ha spiegato a motorsport.com – Abbiamo molto vantaggio in classifica ma non possiamo rilassarci perché sappiamo che le cose cambiano in fretta. La Ferrari è cresciuta tantissimo ed in fretta per cui avere problemi di affidabilità può essere un effetto collaterale normale”.