F1 2017, Marchionne:”Ferrari cresce bene ma non dico altro…”

F1 2017, Marchionne:”Ferrari cresce bene ma non dico altro…”

    F1 2017, Marchionne: Ferrari

    La nuova Ferrari di Formula 1 2017 gira bene al banco. Parola di Sergio Marchionne che, in occasione del salone dell’auto di Detroit, prova a scaldare il freddo inverno dei tifosi Ferrari. Il presidente del Cavallino Rampante, però, si sforza di tenere a freno la lingua evitando eccessive dosi di ottimismo che gli sono costate carissime un anno fa. Tutti ricordano bene i suoi proclami assordanti: si era fidato di ciò che gli avevano promessi i suoi tecnici. Ma si erano sbagliati. Ora buona parte di loro non ci sono più e la squadra ha assunto finalmente la fisionomia che Marchionne voleva pur se con colpevole ritardo come lui stesso ha ammesso.

    “Vedo i ragazzi in fabbrica che stanno lavorando senza sosta ed a Natale hanno fatto solo due giorni di vacanza – si legge sul Corriere dello Sport – Pare che la macchina stia crescendo bene e il motore al banco gira alla grande. Stavolta, però, non commetterò l’errore dell’anno scorso ed aspetterò prima cosa succederà quando andremo in pista”. Sergio Marchionne definisce “enorme” il lavoro svolto dai tecnici della Ferrari sulla monoposto figlia di regolamenti nuovi e decisamente sfidanti. Inoltre, parla di gruppo di lavoro finalmente e per la prima volta allineato al suo modo di pensare e di agire:“Il team è molto trasparente con me, il gruppo mi tiene sempre informato. Sono molto soddisfatto e probabilmente sono intervenuto troppo tardi nell’organizzazione che avrei voluto. Ho lasciato che il gruppo precedente lavorasse a suo modo per rispetto, col senno di poi penso che sarei dovuto intervenire prima per cambiare alcune cose”. Ultimo pensiero è per gli inarrivabili rivali della Mercedes:“Loro sono forti e bravi. Non hanno colpe se noi siamo indietro. Dobbiamo cercare in noi stessi la soluzione per raggiungerli. Poi vedere la foto di Rosberg che gira con una Ferrari da strada non mi stupisce - ha osservato inviando una frecciatina alla casa di Stoccarda – non conosco un pilota che non ami le nostre auto”.

    Non esiste scuderia di Formula 1 che, alla vigilia della stagione 2017, non stia mettendo sotto stress i propri tecnici pur di far arrivare la monoposto ai primi test invernali nella condizione migliore possibile. Il tempo a disposizione è pochissimo se rapportato al gran numero di novità regolamentari. Secondo Nick Chester, capo progettista della Renault, è uno dei cambiamenti più drastici della storia della F1 soprattutto per l’aumento di carico aerodinamico che si registrerà:“Non ricordo un cambiamento così grande. Non ha interessato solo una parte della vettura ma entrambe le ali, il diffusore e tutta la macchina comprese le gomme più larghe - ha ricordato a F1i.com – Le vetture saranno più cariche e più veloci in curva anche se ciò porterà a registrare qualche chilometro in meno di velocità in rettilineo per via della maggiore resistenza aerodinamica”, ha aggiunto.

    624

    PIÙ POPOLARI