F1 2018, Ferrari: preso Kvyat! Farà lo sviluppatore

Kvyat chiamato a sorpresa a Maranello per occuparsi di sviluppo al simulatore della nuova Ferrari F1 2018

da , il

    F1 2018, Ferrari: preso Kvyat! Farà lo sviluppatore

    Daniil Kvyat è della Ferrari. Il pilota di Formula 1 russo, ex Red Bull e Toro Rosso, è stato ingaggiato a sorpresa con il ruolo di sviluppatore. Il suo nome era stato accostato anche alla Williams come successore di Felipe Massa.

    Bocciato clamorosamente da Helmut Marko, ora Kvyat ha una nuova grande chance di restare in un top team Formula 1. Curiosamente, il suo percorso ricorda molto da vicino quello di Jean Eric Vergne. Anch’egli, fatto fuori dal programma Red Bull, è finito in Ferrari per lavorare con il simulatore. Dopodiché, ha cercato fortuna altrove.

    Perché la Ferrari ha preso Kvyat? E Giovinazzi che fine fa?

    La scelta di Kvyat si giustifica almeno in tre modi: avere un uomo immagine da spendere nel mercato russo; sfruttare la sua grande esperienza accumulata con il simulatore della Red Bull a Milton Keynes; dare un po’ di “riposo” ad Antonio Giovinazzi che ha chiesto a Marchionne di poter disputare alcune gare vere anziché restare un altro anno completamente fermo.

    Crediamo che sia questo il senso della scelta di Maurizio Arrivabene e Sergio Marchionne. Curiosamente, Kvyat aveva creato non pochi grattacapi nel 2016 a Sebastian Vettel per colpa della sua irruenza. Irruenza che gli era costata poi la retrocessione da Red Bull a Toro Rosso favorendo l’ascesa stellare di Verstappen. Dopodiché, nel finale del 2017 si era trovato del tutto appiedato poiché la scuderia di Faenza aveva preferito far correre prima il campione in carica della GP2 Pierre Gasly e poi il neozelandese Brandon Hartley.

    23 anni, russo ma italiano d’adozione, Kvyat no avrà problemi ad ambientarsi a Maranello. Il suo lavoro sarà incentrato quasi esclusivamente nell’approcciarsi al simulatore. In totale ha collezionato 72 partecipazioni ai Gran Premi in 4 anni di permanenza nel Circus.

    Arrivabene:”Vogliamo fare meglio di Mercedes”

    La Ferrari sta mettendo a posto qualche tassello qua e là nella nuova organizzazione della Gestione Sportiva. L’obiettivo dichiarato da Maurizio Arrivabene per il 2018 è far crollare il dominio Mercedes una volta per tutte:“Facciamo i complimenti a loro che hanno vinto con merito. Noi abbiamo lavorato bene ma abbiamo avuto alcuni episodi sfavorevoli”, ha ricordato il team principal della Ferrari.