F1 2018: Sauber rinnova con Ferrari e apre a Giovinazzi o Leclerc

Accordo rinnovato tra Sauber e Ferrari per la fornitura delle power unit nel 2018. Possibile che uno tra Leclerc e Giovinazzi guidi per gli svizzeri

da , il

    F1 2018: Sauber rinnova con Ferrari e apre a Giovinazzi o Leclerc

    Sauber e Ferrari hanno ufficializzato la prosecuzione della partnership anche per la stagione di Formula 1 2018. Appena 24 ore prima gli svizzeri avevano rotto l’accordo con la Honda per la fornitura delle power unit. La mossa del Cavallino Rampante porterà con molta probabilità uno dei due piloti del vivaio, Antonio Giovinazzi o Charles Leclerc, a correre come titolare il prossimo anno. “Sono lieto di annunciare la prosecuzione del rapporto con la Ferrari come fornitore di motori - ha dichiarato il nuovo team principal della Sauber, Fredric Vasseur, dal paddock del Gran Premio di Ungheria – le tante esperienze condivise tra le nostre scuderie hanno portato ad una solida relazione e questo ci permetterà di proseguire più rapidamente anche nello sviluppo della vettura del 2018″.

    Sauber F1 2018: Giovinazzi o Leclerc tra i piloti

    Antonio Giovinazzi o Charles Leclerc? Chi dei due giovani piloti della Ferrari guiderà per la Sauber nel 2018? Il più maturo ed esperto italiano ha già preso parte a 2 GP quest’anno proprio con il team svizzero per sostituire l’infortunato Wehrlein ma in Formula 2 c’è un Leclerc che sta facendo vedere cose strepitose e potrebbe bruciare le tappe. Nel frattempo, Giovinazzi sta provando nelle libere del venerdì con la Haas per cui ha un’altra carta da giocarsi.

    Giovinazzi out dopo 8 giri in Ungheria

    Non è stata una grande sessione di prove libere quella in cui ha girato Antonio Giovinazzi con la Haas sul circuito dell’Hungaroring. Il pilota italiano è finito fuori alla curva 11 dopo soli 8 giri.

    “Ho perso la macchina in percorrenza ma non ne sappiamo ancora il motivo - ha dichiarato il pilota di Martina Franca – Forse è stato un guasto meccanico dato che in quel momento non stavo forzando. Sono deluso per aver sprecato tempo prezioso e mi dispiace per il team e per Magnussen”

    Quanto ad un possibile futuro in Sauber nel 2018, ha commentato:“Non so nulla dell’accordo e se la Ferrari avrà davvero voce in capitolo per i piloti. Io mi limito a fare al meglio il mio dovere seguendo il programma della Haas e lavorando al simulatore per la Ferrari oltre che partecipare a tutti i briefing. Tra 3-4 mesi saprò qualcosa di più sul mio futuro ma è ovvio che sono un pilota e voglio correre”.