F1, 3 proposte per il problema safety car

F1, 3 proposte per il problema safety car

Formula 1: in vista del Gran Premio di Gran Bretagna la FIA sta studiando assieme ai team di F1 un nuovo regolamento per la safety car

da in Fia, Formula 1 2017, In Evidenza, Regolamento Formula 1 2017
Ultimo aggiornamento:

    safety car f1 mercedes

    Guardando in direzione Gran Premio di Gran Bretagna, c’è ancora un interrogativo rimasto senza risposta. Cosa farne della safety car? Il Gran Premio d’Europa, infatti, ha lasciato ancora molti strascichi polemici sulle regole che determinano l’ingresso ed il comportamento della vettura di sicurezza. Una volta è andata male alla Ferrari. Ma la prossima rimetterci potrebbe essere la Red Bull, la Mercedes o la McLaren. Per evitare che il risultato sportivo sia a grosso rischio, si stanno valutando proposte, opnioni e margini di intervento immediato.

    SAFETY CAR: La safety car ha di per sé un problema irrisolvibile: annulla i distacchi rendendo inutili gil sforzi di alcuni piloti piuttosto che altri, ridicolizza le tattiche studiate dalle squadre e dà al fattore fortuna un ruolo da protagonista assoluto. E’ ironico notare che, proprio nell’anno in cui sono stati vietati i rifornimenti e, quindi, si è teoricamente ridotto l’impatto di una safety car sull’esito complessivo di una corsa, si sono vissuti i momenti più imbarazzanti. Questo significa che, al di là dei problemi strettamente legati all’utilizzo della vettura di sicurezza, i regolamenti hanno fallito. Vediamo alcune proposte per ristabilire un po’ di giustizia.

    SAFETY CAR.

    Occorrono cambiamenti per ridurre al minimo l’impatto negativo della safety car sull’esito finale di un Gran Premio di F1. Come fare? una prima soluzione, la più semplice, è quella di tenere SEMPRE chiusa la pit lane durante il periodo di SC. Con il divieto di rifornire in gara, nessuno rischierà di restare a secco. Il punto è che se qualcuno ha avuto la fortuna di cambiare le gomme pochi giri prima, è comunque avvantaggiato su chi deve fermarsi a gruppo compatto. Questo problema non si risolve neanche con la seconda idea, vale a dire aprire la corsia box solo dopo che tutti sono correttamente incolonnati uno dietro l’altro. Ultima proposta è quella di far sì che la macchina di sicurezza si posizioni solo ed esclusivamente davanti al leader della corsa. Per fare ciò, però andrebbero sparse lungo il tracciato almeno 2-3 vetture pronte a lanciarsi in pista al segnale dei commissari di gara. Forse qusta sarebbe la più corretta anche se, come detto sopra, la safety car porta sempre con sé un certo margine di ingiustizia sportiva. Impegnarsi per accrescerlo è folle oltre che da irresponsabili.

    Foto: f1fanatic.co.uk

    448

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN FiaFormula 1 2017In EvidenzaRegolamento Formula 1 2017
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI