F1 a Monza: Hamilton prepara lo scherzetto

Formula 1: Lewis Hamilton in crisi nelle qualifiche del Gran Premio d'Italia potrebbe essere la sorpresa in gara

da , il

    F1 a Monza: Hamilton

    Tagliato fuori dalla lotta per la pole position, Lewis Hamilton tornerà prepotentemente competitivo in gara. Sarà la scheggia impazzita del Gran Premio d’Italia. Il pilota McLaren ha scelto un assetto molto scarico, senza F-Duct, che lo ha penalizzato sul giro secco. Sulla distanza, però, sarà un’altra cosa e l’elevata velocità di punta renderà i suoi sorpassi più che agevoli. Insomma, con una Red Bull in crisi di motore, è ancora l’anglocaraibico il più temibile. Probabilmente ben più di quel Jenson Button che dall’alto della sua prima fila dimostra il grande potenziale della vettura di Woking.

    LEWIS HAMILTON. “Non penso che avremo un vantaggio. Speriamo di essere veloci sui rettilinei rispetto agli altri in modo da avvicinarmi… ma gli altri con piu’ carico possono andare piu’ veloci in curva”, così parla Hamilton in previsione GP d’Italia. L’errore di non montare l’F-Duct pesa sulla sua prestazione in qualifica. Solo dopo la gara sapremo, però, quanto è costato tutto ciò in termini di punteggio in classifica. Cosa rara nella Formula 1, abbiamo la controprova che risponde al nome di Jenson Button. La quinta piazza in griglia di partenza non rende affatto giustizia al potenziale del campione del mondo 2008. Senza alcune sbavature nella guida poteva stare un pelino più avanti. In corsa, con il serbatoio pieno e pista più gommata, poi, sarà un’altra storia. Se avessimo dovuto scegliere un pilota da mettere in questa situazione non si poteva sperare di meglio che Lewis Hamilton per avere dello spettacolo garantito. Per il leader della classifica si preannuncia una domenica alla “o la va o la spacca”. Un terreno dove sa esaltarsi non poco.

    RED BULL. Non è colpa delle nuove verifiche alla flessibilità del fondo vettura se la Red Bull ha deluso come mai quest’anno in qualifica. Almeno una delle due lattine volanti era sempre stata in prima fila. La pole position era fallita solo una volta. Adesso non sono riusciti a fare meglio di un quarto e sesto posto con Webber davanti a Vettel. Il pilota australiano ha lamentato mancanza di potenza accusando per questo i motori Renault:“Sapevamo che ci sarebbero state delle difficoltà e i fatti ci hanno dato ragione. Monza è una pista di motore dove serve potenza mentre noi dobbiamo avere un approccio più conservativo”.

    Foto: AP/LaPresse