F1 a Singapore: Alonso e la Ferrari si nascondono

Formula 1: la Ferrari commenta con Fernando Alonso, Felipe Massa e Stefano Domenicali i risultati della prima giornata di prove libere sul circuito di Singapore

da , il

    ferrari singapore f1 2010

    E’ quarta la Ferrari di Fernando Alonso al termine della prima giornata di libere del Gran Premio di Singapore. Lo spagnolo ha dovuto fare i conti con lo spegnimento del motore a 20 minuti dalla fine della seconda sessione quando si apprestava a far scendere i propri tempi. Peggio è andata a Massa che, senza inconvenienti, accusa mezzo secondo dal compagno di box. La squadra ha lavorato principalmente sulle comparazioni di assetto per capire il comportamento degli pneumatici e dell’F-Duct. L’utilizzo dell’ala soffiata non è scontato sebbene Alonso l’abbia giudicato positivamente.

    FERRARI. Una prima sessione quasi da buttare per via delle condizioni dell’asfalto umide ed una seconda sessione di prove libere interrotta a 20 minuti dal termine per uno spegnimento del motore. Non è iniziato benissimo il weekend della Ferrari ed in particolare di Fernando Alonso il quale ha subito una rottura ad un componente sperimentale della trasmissione. Tuttavia gli uomini di Maranello hanno l’impressione di avere un buon potenziale sul quale lavorare qui sul circuito Marina Bay di Singapore.

    STEFANO DOMENICALI. “Nonostante le difficoltà odierne siamo comunque riusciti a raccogliere una sufficiente quantità di dati che ora sono al vaglio dei nostri tecnici – ha detto il team principal Per quel poco che si è potuto vedere, c’è una Red Bull molto forte ma possiamo dire la nostra. E’ chiaro che dovremo essere perfetti se vogliamo raggiungere i nostri obiettivi, a partire dalle qualifiche di domani.”

    FERNANDO ALONSO. “Ho frenato un po’ tardi alla curva 18 e sono finito nella via di fuga: ho inserito la retromarcia ma, quando ho messo la prima per ripartire, la macchina si è spenta. Peccato, perché ho perso gli ultimi venti minuti della sessione, quelli in cui avrei girato con tanta benzina a bordo – ha spiegato Alonso - I tecnici mi hanno detto che si è rotto un componente sperimentale nel cambio: sono cose che possono succedere il venerdì quando si fanno tante prove, anche in vista della stagione successiva”. L’asturiano ha fatto notare che i tempi delle Rosse non sono malaccio:“Direi che erano abbastanza competitivi, anche rispetto ai nostri principali avversari. Abbiamo provato la macchina con e senza l’ala posteriore soffiata e a me la prima soluzione sembra migliore”. Secondo Alonso, infine, le gomme dure si sono dimostrate costanti mentre le morbide davano più aderenza rispetto alle aspettative.

    FELIPE MASSA. Più scontento di Alonso, Massa si lamenta del bilanciamento generale della monoposto:“Con le gomme morbide in particolare, avevo un po’ troppo sovrasterzo. C’è tanto da lavorare ma penso che potremo comunque essere competitivi, anche rispetto ad una Red Bull che sembra andare molto forte”.