F1, Abu Dhabi 2011: Vettel fuori per foratura, la Red Bull lo scagiona

Formula 1: gara di Abu Dhabi sfortunata per Sebastian Vettel e la Red Bull

da , il

    sebastian vettel abu dhabi 2011 ritiro

    Sebastian Vettel esce di scena al primo giro del Gran Premio di Abu Dhabi di Formula 1 2011. Alla prima curva un allargamento della traiettoria procura al campione del mondo un danno allo pneumatico posteriore destro che alla successiva piega verso sinistra gli fa perdere il controllo della monoposto. Inutile riprendere la via della pista e raggiungere il box per tentare una disperata rimonta. Il mozzo è rovinato. Non c’è alternativa al ritiro. Del pilota Red Bull, però, impressione la grinta. Nonostante abbia già vinto tutto quest’anno, è inferocito nell’accettare il verdetto della sorte. A motori spenti, il team lo scagiona da ogni colpa: c’è stata solo una banale foratura.

    SEBASTIAN VETTEL. Non esce a parlare con i giornalisti. Sebastian Vettel ancora euforico per il record di pole position, smaltisce la delusione restando nel box a controllare i dati della telemetria ed a seguire la gara di Mark Webber. Christian Horner parla in modo chiaro e ci tiene a scagionare il proprio pilota da ogni accusa:“E’ il primo ritiro per ragioni meccaniche questa stagione. C’è stata una foratura. Una cosa che può accadere. Non poteva farci nulla Sebastian. Non è colpa sua. Qualcosa ha fatto perdere pressione allo pneumatico. Lui fa gioco di squadra ed è rimasto al box per dare supporto a Mark”.

    MARK WEBBER. La giornata della Red Bull è stata negativa sotto tutti i fronti. Vettel è inciampato sulla sfortuna. Webber, invece, ha conosciuto il campionario dei più comuni errori che un box può fare. Nel primo pit stop perde secondi preziosi per un inconveniente nel montaggio di uno pneumatico. Successivamente gli viene cucita addosso una strategia nettamente sfavorevole. A fine gara, comunque, l’australiano non vuole fare drammi:“All’inizio c’è stata una bella lotta con Button. Ma c’erano due zone DRS da sfruttare ed era difficile gestire la cosa nei due rettilinei. Non avevo il passo di Fernando Alonso e Lewis Hamilton. Non abbiamo avuto fortuna neanche con il pit stop. Siamo stati bravissimi tutta la stagione ma stavolta, invece, abbiamo avuto un problema”.